Un nuova iniziativa legata alle tematiche sociali viene messa in campo da Monia Valdannini proprietaria di Lollo Pop, negozio di dolciumi sito in Corso Italia, Viterbo. L’esperienza l’ha portata a confrontarsi con numerosi adolescenti che amano sperimentare nuove leccornie. Nel suo negozio non c’è pane e salame ma cibi più trendy che vengono da tutte le parti del mondo. Quello che va per la maggiore è un ritrovato taiwanese, poi americanizzato, che sposa tè, latte e frutta.

Ai ragazzi, si sa, la frutta non piace molto, ma questo Bubble Tea è riuscito ad unire il “naturale” al dilettevole. Il succo di pesca, mango, ribes, ananas, cocco è racchiuso in piccole palline gelatinose che quando le mastichi ti scoppiano in bocca. La proprietaria del negozio ci spiega che l’idea di procedere con l’iniziativa “merenda sospesa”, le è venuta perché una sua cliente lascia sempre uno yogurt, uno snack, un caffè latte pagato a sua nipote e alla compagna di scuola che, appunto, vive in casa famiglia.

Le ragazze ogni sabato si presentano al negozio e ritirano la consumazione. Monia, poi, ha esteso l’iniziativa anche ad altre clienti e, in poche parole, durante lo struscio giornaliero, molte ragazze usufruiscono della “merenda sospesa”.

Bastano pochi euro per far felice un’adolescente,”, ci dice Valdannini. “una merenda bizzarra, fuori dall’usuale, che può essere piena di palline o pop corn al cioccolato, permettono di strappare un sorriso anche agli occhi più tristi.” Certo, lo so che non è una grande iniziativa”, continua la proprietaria, “ma funziona e quindi la porto avanti. In fondo, è partendo da piccole cose che si mobilita una collettività.”