Il primo luglio prossimo  lascerà  il servizio con il grado di Ispettore superiore scelto della Polizia locale di Viterbo, Pietro Petroselli.  Una persona che ha nobilitato la Polizia locale viterbese.

L’ispettore Petroselli ha ereditato dal genitore, anche il padre Giuseppe un indimenticato e stimato agente, l’eleganza, la signorilità, il tatto e l’agire che hanno caratterizzato il suo lungo itinerario nella Polizia  locale.  Ha onorato la divisa con competenza. Pietro è un simbolo per la città, spesso in servizio con la collega Daniela, alfieri del Gonfalone cittadino, lo hanno scortato in numerose manifestazioni.

Lo abbiamo visto spesso agire con garbo e determinazione, rispondere alle richieste di  turisti in cerca di informazioni, redarguire  giovani centauri o automobilisti quando sorpresi a trasgredire il codice della strada.

Altra caratteristica una divisa inappuntabile che tra qualche giorno appenderà nell’armadio: sarà elegante anche in questo percorso della nuova quotidianità.

In fondo rimarrà sempre un “Angelo della strada” e mancherà a tutti, di più ai colleghi della Polizia Locale di Via Monte Cervino che gli formulano gli auguri più affettuosi per una buona pensione, a tali auguri si aggiungono quelli della redazione di www.ontuscia.it.

Giancarlo De Zanet