Il mese di ottobre porta sempre “Buoni Frutti”, anche per il Progetto “La Scuola per Contadini”, tante le uscite e visite in Azienda in programma e Laboratori imperdibili. Intanto segnate le date dei primi quindici giorni del calendario di ottobre a cura di Slow Food Viterbo e Tuscia.

Si inizia il 3 ottobre con LA CULLA DI MAGGINI GIULIA. Per chi ha assistito al bellissimo laboratorio sulle Aromatiche di settembre sarà occasione di visitare l’azienda e vedere le produzioni autunnali. Grande novità i microortaggi (dalle 15.00). 

Il 5 ottobre invece, appuntamento alle 15.00 presso L’AZIENDA FORNOVECCHINO, al Km. 4,800, str. Prov. Ombrone, Viterbo. Una realtà che racchiude in sé antiche tradizioni e produce prodotti biologici naturali da trent’anni, con innovazione e sicurezza. L’azienda Fornovecchino lavora cereali e legumi coltivati della sua Azienda e di altri produttori della Tuscia secondo metodo biologico. Visita agli impianti di trasformazione e di lavorazione delle farine. 

Il 10 ottobre andremo da VOLTA LA TERRA alla Bicoca. Grazie alla padrona di casa Costanza Mestichelli e all’ortolano Antonio la visita all’orto aziendale si incentrerà sulle tecniche colturali in biologico, sulle rotazioni colturali per la fertilità del terreno e nutrizione delle piante, per poi recarsi al casale, struttura ricettiva. (dalle ore 15) 

Alle porte di Viterbo, il 12 ottobre ci accoglierà una realtà radicata nel tessuto urbano e sociale, FATTORIA DI ALICE, Coop. Sociale, tra ulivi, vigne, frutteti ed orti, una fattoria sociale e didattica.  (dalle 14 e 30). 

Quale miglior frutto autunnale se non la castagna? Il 14 ottobre si potrà visitare il castagneto secolare a San Martino al Cimino dell’AZIENDA ABB. NULLIUS: raccolta delle castagna e dei marroni, tutti in coltivazione in biologico (dalle 14.30)

Le visite sono aperte a tutti gli interessati che vogliano conoscere meglio il territorio, le nostre eccellenze e arrivare a fare scelte consapevoli dei prodotti messi in tavola. 

Si consiglia prenotazione: Debora (3335466614) referente Slow Food Viterbo e Tuscia. Non prendete appuntamenti. 

Articolo precedenteA Vignanello nel ricordo di Marco Pugliesi
Articolo successivoDomani Capranica a “Paese che Vai”, trasmissione di Cusano Italia TV