VITERBO – FondAzione per la Tuscia è costretta, ancora una volta, a riprendere le situazioni più critiche e biasimevoli che, quotidianamente, mettono in evidenza lo stato di abbandono in cui versa il popoloso quartiere di Santa Barbara.

Se, da una parte, l’impraticabilità di alcuni marciapiedi, come quelli di via Tarconte, del tutto invasi da erbacce e cespugli ( vedi foto ), dimostrano la colpevole disattenzione del Comune e della sua Amministrazione, impegnata su cose astruse e lontana anni luce dalle sacrosante aspettative dei cittadini, dall’altra non possiamo sottacere l’inciviltà e la maleducazione di tutti quei soggetti che pensano, a torto, di trasgredire qualsiasi regola pur di mettere in mostra il lato peggiore del loro essere.

Tanto per fare un esempio, basti guardare in quali condizioni è ridotto il punto di raccolta dell’olio vegetale posto nel Piazzale degli Etruschi ( vedi foto ), letteralmente sommerso da buste, bidoni e bidoncini di plastica che impediscono lo smaltimento dell’olio alle persone che vogliono attenersi alle norme di civiltà e buona educazione.

Pertanto, non è azzardato affermare che, laddove l’Amministrazione Comunale non riesce a correggere un suo pericoloso disservizio, diventa sempre più facile sopportare ed incoraggiare le abitudini ed i comportamenti malsani sin qui denunciati e che delineano un contesto da “quarto mondo” in una città che vede sempre più remote le sue origini di “Città dei Papi”.

Roberto Talotta
Direttivo Comunale di FondAzione per la Tuscia

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email