Venerdì 2 dicembre le organizzazioni del sindacalismo di base hanno proclamato lo sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati, aderiscono le organizzazioni politiche e sociali e i movimenti di lotta. Sabato 3 dicembre – CORTEO NAZIONALE – Roma (p.zza della Repubblica – h14)

SCIOPERIAMO CONTRO :

  • LE GUERRE DEI PADRONI sciagura umana e sociale per popoli e lavoratori; contro l’economia di guerra che agevola la speculazione, l’impennata dell’inflazione e l’aumento del carovita.
  • L’AUMENTO DEL COSTO DELLA VITA e dei beni di prima necessità, mentre imperversano precarietà, disoccupazione e stipendi da fame.
  • LE PRIVATIZZAZIONI DEI SERVIZI ESSENZIALI che danneggiano lavoratori e utenti –  la Talete ne è un esempio lampante- che speculano sul costo di acqua, luce, gas e rifiuti.
  • LE STRAGI di lavoratori e studenti per la mancanza di sicurezza sia sui posti di lavoro che nelle scuole.
  • IL PATRIARCATO E LE DISCRIMINAZIONI DI GENERE per una società veramente libera dalle oppressioni.
  • CONTRO LE DEVASTAZIONI AMBIENTALI frutto della speculazione capitalistica.

SCIOPERIAMO PER:

  • IL BLOCCO DELLE SPESE MILITARI per la fine dell’invio di armi, uomini e soldi da parte del Governo Italiano nei vari scenari di guerra.
  • L’AUMENTO DI SALARI E PENSIONI e il loro adeguamento al costo della vita, con recupero dell’inflazione reale.

-LA RIDUZIONE DELL’ORARIO E DEI RITMI DI LAVORO A PARITÀ DI SALARIO.

  • LA GRATUITÀ DEI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI sanità, scuola e trasporti; assunzioni e potenziamento dei servizi,blocco delle esternalizzazioni e delle privatizzazioni.
  • UNA SANITÀ, PUBBLICA, UNICA, GRATUITA, UNIVERSALE, LAICA E UMANIZZATA.
  • IL REALE DIRITTO AL LAVORO degnamente retribuito e tutelato; SALARIO MINIMO e reddito universale garantito per tutte/i.
  • IL DIRITTO ALLA CASA con rilancio dell’edilizia pubblica residenziale, calmieramento dei prezzi di mercato e blocco degli sfratti.
  • IL PERMESSO DI SOGGIORNO E LA CITTADINANZA PER TUTTE/I                          
  • L’ABOLIZIONE DEI PCTO ignobile regalo dei governi ai padroni                        
  • PER UNA REALE LOTTA AMBIENTALISTA che metta al centro il territorio e non il profitto e che non sia collusa con chi perpetua quotidianamente la devastazione dei territori in cui viviamo

IL PRIMO NEMICO È IN CASA NOSTRA!

Tuscia in LottaS.I. COBAS ViterboUSB – Federazione di ViterboComitato di Lotta ViterboArci ViterboAUCS onlusRifondazione Comunista – Federazione di ViterboL’altro circolo – Centro d’iniziativa omosessualeCobas scuola – TusciaOSA ViterboPostali Resistenti Cobas Poste – ViterboUnione Popolare – ViterboSinistra per Viterbo

Articolo precedenteNasce il comitato “Basta semaforo Strada Acquabianca”
Articolo successivoSoriano nel Cimino, cittadinanza onoraria al Luogotenente C.S. Paolo Lonero