Alla sala Mendel del convento dei Padri Agostiniani alla Trinità un concerto straordinario ha chiuso la serie di appuntamenti, promossi e curati dalla Scuola musicale comunale.

Voluto dalla consigliera Paola Bugiotti si è rivelato un evento entusiasmante, gli oltre 100 presenti lo hanno evidenziato con alcuni minuti di applausi scroscianti, anche se la sede più idonea sarebbe stata la Sala Regia.

Paola Bugiotti, consigliere comunale delegato alla Scuola musicale, aveva anticipato che il duo Seccafieno-Viti sono due solisti straordinari, il trombettista Luca Seccafieno e pianista Fabrizio Viti non hanno certo tradito le aspettative.

Non dimentichiamo che il duo si è esibito in moltissime città europee e quest’anno è reduce da successi al Parco della Musica di Roma e alla Carnegie Hall di New York.

Dopo un primo repertorio interessane e classico i due artisti hanno fatto sognare il pubblico presente con una rapsodia di “Per un pugno di dollari”, “Per qualche dollaro in più”, “Il buono, il brutto, il cattivo”, “C’era una volta il West”, “Giù la testa”, chiudendo con un omaggio a Nino Rota a 40 anni dalla scomparsa. Il pubblico si è alzato dalle sedie ed ha applaudito i due “maestri” in modo caloroso e significativo.
Prima del concerto, alle ore 11, ospite d’eccezione il professor Massimo Agneni, che ha guidato gli ospiti alla scoperta del magnifico ciclo pittorico del chiostro della Santissima Trinità.

Al termine della manifestazione la Bugiotti ha affermato: “Mi ritengo molto soddisfatta per questa serie di concerti-aperitivo sia per il livello qualitativo espresso dal palco dagli ospiti che si sono esibiti, sia per la risposta del pubblico. Un grazie quindi al duo di professori della Scuola musicale, viterbese Viti e di Sipicciano Seccafieno, eccellenze musicali della Tuscia”.

Al termine del concerto, come di consueto, il comitato genitori della Scuola musicale comunale ha offerto l’aperitivo ai presenti.

Giancarlo De Zanet