In questi giorni iniziano a vedersi i primi risultati concreti di ciò che la Lega ha fatto quando era al governo cittadino per “avverare” quel sogno di “Viterbo, Città termale”, inseguito  da tutti, ma finora rimasto un po’ una chimera. Il primo passo che abbiamo fatto, quando abbiamo ricevuto la delega al termalismo, è stato quello di tutelare e valorizzare la principale risorsa che ci permette di fregiarci del titolo di Città termale: l’acqua.  Abbiamo così messo in atto una serie di iniziative finalizzate, in particolare, a contenere le dispersioni, in un quadro di interventi sinergici in cui si inserisce anche il rilancio delle ex terme Inps che con noi è andato decisamente avanti.

Questa è stata la politica messa in campo dall’assessorato con delega al termalismo della Lega, che ho avuto l’onere e l’onore di guidare con il sostegno e l’indirizzo del mio gruppo consiliare. Proprio in questi giorni è online sull’albo pretorio del comune di Viterbo, il progetto esecutivo per i lavori di chiusura e di ricondizionamento del pozzo delle Zitelle, più volte annunciata da altri e mai attuata. Oggi, invece, si conclude un percorso che abbiamo avviato come maggioranza al governo di Palazzo dei Priori e mettiamo la parola fine ad anni di dispersioni dell’acqua sulfurea. La tutela e la salvaguardia della risorsa termale è un obiettivo del nostro programma elettorale passato, ma che è centrale anche in quello futuro. Con la chiusura del pozzo delle Zitelle si otterrà un riequilibrio del bacino termale complessivo che, come ben noto, è formato da una sorta di vasi comunicanti.

Questo permetterà di riportare l’acqua al parco del Bullicame e restituirgli il suo antico splendore, ma anche di proseguire nel concreto rilancio del complesso ex Terme Inps. Proprio al Parco del Bullicame, inoltre, partiranno a breve i lavori di restyling che avevamo programmato e che prevedono l’installazione di un impianto di illuminazione che permetterà di fruire l’area anche nelle ore serali e uno di videosorveglianza che la renderà più sicura, saranno anche piantumati dei nuovi alberi, rifatta la recinzione e il cancello di ingresso, e installati dei bagni. La riqualificazione del Parco del Bullicame sta finalmente partendo.

Sono i risultati che testimoniano la bontà e la serietà di un’azione concreta che abbiamo messo in atto quando eravamo al comune di Viterbo e che proseguirà, se i cittadini ci daranno nuovamente la loro fiducia.

Articolo precedenteMobilità Erasmus+ a Kalamoti (Grecia) dell’ITE Paolo Savi di Viterbo
Articolo successivoBasket playoff. L’Ortoetruria-WeCOM Stella Azzurra VT apre con una vittoria alla Carver Roma