Domani, venerdì 2 agosto, alle ore 21,15, nell’ambito della 54ª stagione estiva di spettacoli, organizzata dal Consorzio Teatro Tuscia, assegnatario del bando del Comune di Viterbo, con il sostegno di Ance Viterbo e con la direzione artistica di Patrizia Natale, in collaborazione con Archeotuscia onlus e TusciaE20, andrà in scena un grande classico: “Il lago dei cigni” di Ciajkovskij, nell’interpretazione della Compagnia nazionale Raffaele Paganini. Lo spettacolo nasce da un’idea che da molti anni il coreografo Luigi Martelletta inseguiva e desiderava mettere in scena. La sua lunga e intensa carriera come primo ballerino al Teatro dell’Opera di Roma e in tanti altri teatri italiani e europei gli ha permesso di studiare a fondo, di esaminare e di danzare molte volte questo spettacolare balletto. La coreografia originale del repertorio classico infatti non ha mai sottolineato alcuni aspetti del libretto, che però in questa versione vorremmo esaminare e sviscerare; la drammaturgia classica dell’azione coreografica-teatrale del balletto infatti, è abbandonata a favore di una forma di riappropriazione della realtà e dell’esperienza comune basata sui particolari e sulle singole situazioni riunite tra loro in collage ampi e sfaccettati, secondo una metodologia di lavoro di ricerca e di graduale progresso. Fortemente legato alla tradizione accademica, Luigi Martelletta proporrà un lavoro stilisticamente più snello, più vivace, alleggerendo tutti i manierismi e le pantomime che fanno parte del repertorio classico, ma che ormai risultano inutili, pesanti e noiose. Non mancheranno però tutte quelle danze e quell’itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano: I cigni, la danza spagnola, la danza russa, il valzer, i passi a due, e molto molto altro.

Questo balletto è autenticamente una creatura di oggi, del presente, con tutto quello che ciò comporta. La sua particolarità, la sua eccezionalità consiste proprio in questa sua capacità, estrema e radicale, di proporsi vivo e attualissimo, pur dimorando in un suo pianeta espressivo che sa di antico, di già visto, di già vissuto, espressionista nel senso più universalistico e antistorico della definizione: in quanto rappresentazione della realtà-realtà esasperata e sconvolta, ma del tutto riconoscibile in una dimensione non semplicemente realista, ma, tutt’altro, profondamente vera. L’ideale neoclassico di una bellezza assoluta, regolata da un ordine imperturbabile, è l’obiettivo totalizzante della creazione.

La Compagnia nazionale Raffaele Paganini nasce nel 2008 con lo scopo di divulgare la danza e tutte le arti in genere. Voluta fortemente dal suo direttore artistico Raffaele Paganini, la compagnia si è subito messa in luce per le sue produzioni di grande successo. Nel corso di questi anni sono state molte le collaborazioni avute con artisti di ogni settore. In questi anni inoltre il direttore Raffaele Paganini ha costituito un gruppo di danzatori che ormai stabilmente effettuano tournée nei più prestigiosi teatri italiani, le produzioni sono nei cartelloni e nei calendari stagionali delle più prestigiose rassegne artistiche: Milano (teatro Manzoni), Roma (teatro Brancaccio), Napoli (teatro delle Palme), Bologna (teatro delle Celebrazioni), Firenze (teatro Verdi), Salerno (teatro delle Arti). Molte le coproduzioni con compagnie e associazioni italiane di grande prestigio, nel 2010 con l’Euroballetto per il prgetto “Omaggio a Fred Astaire”, nel 2012 con la compagnia di Mvula Sungani per il nuovo balletto in prima nazionale “Sirtaki”, nel 2014 con la compagnia Almatanz per il nuovo allestimento del balletto “Schiaccianoci”.

FERENTO 2019 – 54ª STAGIONE DI SPETTACOLI

Organizzazione: Consorzio Teatro Tuscia

Direzione artistica: Patrizia Natale

Internet: www.teatroferento.it

Info spettacoli 393 9041725

Info biglietterie 328 7750233

Prevendite online: www.boxofficelazio.itwww.ciaotickets.com

Prevendite Viterbo: Underground, via della Palazzina – Ufficio Turistico, piazza Martiri d’Ungheria, Tabaccheria IperConad – Tabaccheria Gianary

Info e aggiornamenti su www.teatroferento.it , pagina Fb teatroferento e sui canali istituzionali del Comune di Viterbo.

Commenta con il tuo account Facebook