VITERBO – Approda a Viterbo questo fine settimana la manifestazione Tuscia in Fiore, arricchendosi dell’unione con un’altra storica kermesse del territorio, La Via degli Artisti, giunta quest’anno alla sua sesta edizione. Il risultato è Tuscia in Fiore sbarca a Viterbo: la Via degli Artisti, promossa dall’associazione Tuscia in Fiore ETS presieduta da Giulio Della Rocca.

Grazie a un bando della Regione Lazio, infatti, nasce la manifestazione Tuscia in Fiore, per promuovere quei borghi, spesso inesplorati, che dalla provincia di Viterbo all’Alto Lazio, fino alle aree confinanti di Toscana e Umbria, connotano questa magica porzione del territorio laziale. Dal canto suo, la Via degli Artisti, è un festival che sin dalla sua nascita vuole esaltare la Tuscia attraverso l’incredibile creatività dei talenti artistici locali, coinvolti puntualmente nella promozione del territorio per il tramite delle loro arti. Da mesi sui canali social e sui mezzi di comunicazione “tradizionali” è presente una grafica aggressiva, curata da Claudio Fortugno di AgenziaPropaganda, dove il bianco e le creazioni artistiche si fondono in armonia per presentare l’evento patrocinato dalla Regione Lazio. Addirittura Trovaroma se ne è accorta così come turisti da tutta Italia ma non solo. Giulia Marchetti di Italian Human Connections, ormai da 8 mesi, si occupa di una campagna di promozione oltre oceano, riuscendo a catturare turisti e delegazioni americane alla scoperta del nostro territorio.

Ad attendere i concittadini e i numerosi visitatori che, specie con la bella stagione, scelgono la Tuscia e Viterbo in particolare quale meta del proprio turismo, vi saranno composizioni floreali lungo tutto il percorso pedonale del centro storico, tutto coreografato dalla direzione logistica del Prof. Nuccio Chiossi. Con la direzione artistica della Prof.ssa Laura Principi, Tuscia in Fiore sbarca a Viterbo: la Via degli Artisti si connota come una manifestazione che vuole essere innanzitutto un incontro tra le bellezze artistiche locali e le arti che gli stessi esponenti artistici del territorio praticano e promuovono al fine di esaltare le numerose bellezze circostanti unitamente a quelle di chi abita e vive il territorio della Tuscia; esposizioni pittoriche di artisti locali lungo il percorso, dunque, ma anche un salotto culturale a cura del Prof. Maurizio Errigo, mostre fotografiche, musica dal vivo, attività artistiche per i bambini e perfino una postazione di scacchi giganti.

Articolo precedenteLa quinta agrario dell’IIS Cardarelli alla scoperta delle diverse attività produttive nella Val d’Orcia
Articolo successivoComunali Viterbo. L’on. Fabio Rampelli domani a Viterbo a sostegno di Laura Allegrini