A partire dal prossimo anno accademico, l’offerta formativa del Dipartimento di Scienze Ecologiche e Biologiche (DEB) dell’Università degli Studi della Tuscia si arricchisce di un nuovo corso di Laurea Magistrale in Biologia Sperimentale e Bioinformatica (LM-6). Il corso è volto alla preparazione di figure professionali di alto profilo culturale e metodologico, capaci di affrontare i temi complessi propri di vari settori centrali della biologia, come quello biomolecolare, biochimico, genetico ed ecologico-evoluzionistico, sia con approcci sperimentali che bioinformatici, in un’ottica di interdisciplinarietà, necessaria nella ricerca avanzata, grazie alla nascita delle moderne tecnologie high-troughput.

Attraverso un percorso formativo dove gran parte degli insegnamenti proposti sono corredati da esercitazioni pratiche di laboratorio, il corso di studio mira a far acquisire allo studente una conoscenza approfondita delle problematiche biologiche, delle metodologie sperimentali, degli strumenti analitici e delle tecniche di acquisizione ed analisi dei dati che sono adottate nella ricerca moderna (sia di base che applicata), al fine di sapere interpretare i sistemi biologici sia a livello biomolecolare che cellulare. Queste competenze saranno completate da una conoscenza completa degli strumenti bioinformatici necessari alla gestione di big data, all’analisi e caratterizzazione delle macromolecole biologiche e di genomi-trascrittomi-proteomi-interattomi. Particolare attenzionesarà dedicata agli aspetti legati all’interazione fra organismi viventi e ambiente e allo studio delle sostanze organiche naturali, evidenziando le relazioni fra struttura chimica ed attività biologica.

Tutti i laboratori scientifici di cui si avvale il corso di studio portano avanti linee di ricerca di alto livello, garantendo l’acquisizione di tali competenze, ormai destinate ad avere un crescente impatto in campo biomedico, bionanotecnologico e delle scienze naturali. Inoltre, per aumentare la professionalità dei laureati, il percorso formativo prevede lo svolgimento di tirocini presso strutture esterne al mondo accademico (aziende e strutture private e della pubblica amministrazione).

I laureati in Biologia Sperimentale e Bioinformatica potranno partecipare agli esami di stato per conseguire l’abilitazione a Biologo Senior, e quindi svolgere tutte le attività professionali che gli competono. Potranno inoltre essere occupati nell’ambito della ricerca applicata, in campo biologico, biochimico, bioinformatico e genetico-molecolare, in istituti di ricerca pubblici, privati e nelle Università. Oppure potranno trovare impiego presso laboratori diagnostici e di ricerca e sviluppo privati che operano nei settori chimico-clinico, ecologico-ambientale, e comunque nei settori che si occupano del miglioramento della qualità della vita e della salute, con un coinvolgimento preferenziale nei settori dell’industria, della sanità, del biotech o presso enti di servizi informatici e genomici. 

Il corso è ad accesso libero e verrà attivato presso il Blocco B del campus Riello dell’Università degli Studi della Tuscia, con inizio delle lezioni ad ottobre 2022. Dal 1° agosto sono state aperte le iscrizioni e sono già state pubblicate le date dei colloqui di ammissione, con una prima data prevista per il 7 Ottobre.

Articolo precedenteProsegue con grande successo la programmazione culturale estiva dei “Dialoghi a Sutri”
Articolo successivoIo e PPP: Stefano Fresi, Valentina Lodovini e Vinicio Marchioni ricordano Pasolini