È iniziata con il saluto del Rettore Stefano Ubertini la prima delle tre giornate di Open Days dell’Università degli Studi della Tuscia. Numerosa la presenza di studentesse e studenti, accompagnati anche dalle famiglie che hanno animato i Chiostri del Complesso di Santa Maria in Gradi. Alla presenza della Direttrice Generale Alessandra Moscatelli e dei Direttori di Dipartimento, il Rettore ha presentato l’offerta formativa attivata per l’a.a. 2022/23, con particolare riferimento ai nuovi corsi di laurea, a partire da quello interateneo con l’Università di Roma Foro Italico in “Sport, benessere e attività motoria in ambiente naturale”, unico nel settore a livello nazionale, che coniuga sport e natura. Tra le novità anche un corso di laurea professionalizzante in “Tecnologie per la gestione sostenibile dei sistemi zootecnici”; nuovi corsi che si aggiungono alla già ampia e variegata offerta di corsi di laurea, laurea magistrale e ciclo unico che, come ha ricordato il rettore, “si distinguono per elevati livelli occupazionali a pochi anni dal conseguimento del titolo”. Dopo i difficili momenti legati alla pandemia, l’ateneo avvia il nuovo anno accademico con il ritorno in presenza negli spazi disponibili potendo contare sul 100% delle postazioni. Il Rettore ha ribadito la necessaria ripresa di tutte le attività in presenza, non solo sul versante della didattica, ma anche sulla ripresa della vita universitaria fatta di scambi e di relazioni.

Consapevoli che l’ateneo, grazie a questa accelerazione tecnologica, potrà ulteriormente migliorare gli insegnamenti e la loro erogazione e fruizione potendo contare su questi strumenti. In risposta alle attuali difficoltà che siamo chiamati ad affrontare sul versante sociale ed economico, l’ateneo prosegue nella promozione di numerose misure di sostegno alle famiglie a partire dall’innalzamento della no tax area a 24.000,00 euro, con l’aumento del numero delle borse di studio istituite per reddito e merito e con l’attivazione di molte collaborazioni studentesche nell’ambito dell’orientamento e del tutorato. “Fate scelte consapevoli in linea con le vostre aspirazioni, cercando di perseguire quello che vi piace”, questo il consiglio del Rettore alle studentesse e agli studenti presenti in Auditorium. Il Rettore ha poi ricordato come la città di Viterbo offra la possibilità di vivere in sicurezza e con costi sostenibili e come un ateneo di piccole dimensioni renda possibile un rapporto diretto con i docenti e con il personale tecnico amministrativo per l’intera durata del percorso di studio; iscriversi a un corso di laurea inoltre consente numerose attività extracurricolari legate anche alla terza missione dell’università, attività di laboratorio e attività pratiche sul campo. Vi è stata in questi anni una grande spinta verso le politiche di internazionalizzazione intraprese e perseguite dall’ateneo. Gli oltre 450 accordi permettono uno scambio con numerosi paesi e, in un mondo globalizzato, si rende necessaria una esperienza di studio all’estero per le studentesse e gli studenti. Al termine del suo discorso, il Rettore ha consegnato i diplomi del progetto “Unitus4school diploma”.

Una iniziativa che ha coinvolto numerose ragazze e ragazzi degli istituti superiori che hanno partecipato a seminari di approfondimento su temi di area scientifica e umanistica, al termine dei quali, superato un test, hanno conseguito 1 CFU da utilizzare presso qualsiasi corso di laurea dell’Università degli Studi della Tuscia. Terminata la premiazione la parola è passata alla Delegata del Rettore per l’orientamento, Ilaria Armentano che ha illustrato l’organizzazione della giornata invitando tutti i presenti a prendere informazioni sul versante della didattica, ma anche sul versante dei numerosi servizi disponibili per gli studenti a partire dagli alloggi, le mense, lo sportello Unitus job per la ricerca del lavoro, Porta Futuro ed i loro approfondimenti, le associazioni studentesche e il Centro universitario sportivo. La professoressa Armentano ha poi ricordato l’importanza dell’iscrizione al portale degli studenti, che consente di acquisire lo status di studente che, con il pagamento della prima rata, andrà a perfezionare l’immatricolazione – “Il portale è lo strumento fondamentale per l’intero svolgimento del percorso di studio nella vostra carriera”, ha concluso la professoressa. Nel pomeriggio del 7 settembre gli studenti hanno avuto la possibilità di visitare le aule, i laboratori dei corsi di laurea della sede di Viterbo e di interagire direttamente con docenti, tutor e i direttori di dipartimento, mentre il giorno 8 settembre le giornate di orientamento sono continuate presso i poli didattici di Civitavecchia e Rieti.

Nella mattina del 9 settembre l’ateneo ha dato la possibilità di visitare i centri di ateneo: l’azienda agraria, l’orto botanico, il centro ittiogenico sperimentale marino di Tarquinia, il sistema museale di ateneo, la biblioteca del polo umanistico, la biblioteca del polo scientifico.Durante gli open days oltre 600 studentesse e studenti hanno potuto sostenere i test di accesso ai corsi di laurea gratuitamente in modalità on line. Le prossime date utili per il sostenimento dei test di accesso saranno il 21 e 28 settembre p.v., per le macroaree umanistica, scientifico-tecnologica ed economica dei corsi di laurea ad accesso libero, il 20 Settembre per il corso in Tecnologie per la gestione sostenibile dei sistemi zootecnici, il 22 Settembre per i corsi a numero programmato di Ingegneria Industriale e Design per l’Industria Sostenibile e il Territorio, e il 27 Settembre per l’accesso al corso di Produzione sementiera e vivaismo.

Per il corso a ciclo unico in Conservazione e Restauro dei beni culturali la scadenza per la presentazione delle candidature è fissata per il 20 settembre. Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il nostro sito https://unitusorienta.unitus.it/.

Articolo precedenteFinisce 2-2 tra Viterbese e Fidelis Andria
Articolo successivoBasket. Ortoetruria-WeCOM Stella Azzurra Viterbo, amichevole sul parquet del Basket Todi