“L’approvazione all’unanimità delle linee guida dello sviluppo urbanistico delle periferie della città rappresenta uno snodo importante per il futuro di Viterbo, per diverse ragioni: la prima, di metodo. Con questa delibera l’amministrazione Frontini ha dimostrato che, come dichiarato fin dal consiglio di insediamento, questa non è l’amministrazione dei muri di gomma, ma quella che costruisce ponti: non tutto quello che viene dal passato va buttato, o modificato solo per posizionare una bandiera. Incaricarsi di portare a termine, a neanche tre mesi dal nostro insediamento, un lavoro che fino ad oggi ha languito, rappresenta un atto di maturità e rispetto delle istituzioni che oggi è stato evidente.

Vanno radicalmente ripensati i modelli di sviluppo e le azioni di intervento, ma sempre partendo dalla formazione peculiare che il territorio può vantare. Il tutto facendo leva non tanto sul nuovo da realizzare, ma sul recupero, sulla riqualificazione e sul potenziamento dell’esistente – dichiara l’assessore alla qualità degli spazi urbani Emanuele Aronne. Le linee guida di sviluppo delle periferie inserite nel progetto di riqualificazione urbanistica denominato “Da vetus urbs a modern city” – continua Aronne – fanno infatti parte di un lavoro iniziato addirittura nel 2014, proseguito e integrato negli anni.

Questi progetti prevedono le linee guida dello sviluppo urbanistico delle periferie della città: non sono piani, ma indirizzi di azione che ci danno una fotografia della città di come è oggi, punto di partenza per l’applicazione degli strumenti attuativi che dovranno essere approvati dall’amministrazione”.

Articolo precedenteIl Colonnello Marco Avanzo, comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Viterbo va in congedo
Articolo successivoRomoli (Presidente della Provincia): “Un sincero e doveroso ringraziamento per l’eccellente lavoro svolto al Colonnello Marco Avanzo”