La farmacia comunale La Quercia si è recentemente certificata in qualità per il sevizio di Farmacia oncologica. Un servizio dedicato alla gestione in farmacia delle esigenze, in termini di consiglio, ascolto e accoglienza, di persone colpite da tumore, dei loro familiari o caregiver, in merito a tematiche riguardanti l’educazione nutrizionale, informazioni sulle terapie, supporto cosmetologico e aspetti relazionali.
Un servizio gestito da un farmacista qualificato e appositamente formato sulle tematiche di pertinenza, per garantire il miglior percorso di cura al paziente oncologico, valorizzando gli interventi territoriali e mettendo in connessione il farmacista di comunità con il medico di medicina generale e l’oncologo. A darne notizia è l’assessore alle società partecipate Enrico Maria Contardo, che aggiunge: “Un prezioso e ulteriore servizio quello fornito dalla farmacia comunale La Quercia. Una certificazione importante quella recentemente conseguita, grazie al direttore della farmacia stessa, il dottor Menditto e ai farmacisti che vi lavorano”.
Il servizio di farmacia oncologica – si legge sul sito della società Francigena (www.francigena.vt.it) sarà reso disponibile in base alla presenza in farmacia del farmacista qualificato e specializzato, nei giorni di lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle ore 9 alle ore 12.
Il servizio viene gestito per gli utenti che ne fanno richiesta, registrato su appuntamento fissato con prenotazione (telefonica, via mail, o direttamente al bancone della farmacia), in funzione della presenza in farmacia del farmacista specializzato nel servizio. In caso di richiesta urgente, invece, se il farmacista specializzato è presente, l’utente viene preso in carico per la gestione immediata. In alternativa viene fissato il primo appuntamento utile nell’arco del più breve tempo possibile. Il servizio di farmacia oncologica si svolge in uno spazio riservato della farmacia: una piccola sala di cui la farmacia dispone, adibita ad accogliere i pazienti/clienti che necessitano di una consulenza in uno spazio che possa garantire la loro privacy, lontano dagli spazi comuni frequentati dalla clientela della farmacia.