“Lo spettacolo natalizio al teatro è ormai una bella tradizione per l’Unicef, come ogni anno. Per omaggiare le scuole e le insegnanti si scrive ciò che gli spettatori hanno visto sul palco.

Dobbiamo ringraziare – comunica la Prof.ssa Carlini Antonia, Delegata Spettacoli Unicef Viterbo, – le insegnanti delle palestre che sono riuscite in così poco tempo, cioè dell’inizio dell’anno di lavoro (da settembre, 3 mesi appena) fino ad oggi 16 dicembre, ad insegnare delle coreografie a bambini, che per quasi due anni non hanno più praticato sport e danza in forma continuativa.

Ma l’impegno delle palestre verso la solidarietà ha permesso a noi di organizzare questo spettacolo.

Molti ci hanno contattato dicendo di essere tristi per non poter partecipare per mancanza di tempo di studio, a causa di questa terribile e lunga pausa, ma noi li comprendiamo affettuosamente e li attendiamo agli spettacoli di Maggio.

Quindi grazie per quelli che sono intervenuti, perché abbiamo capito che grande sforzo hanno fatto per portarci i bambini ad esibirsi, nonostante il poco tempo avuto per prepararsi bene e chi conosce ed ha praticato l’espressione artistica lo sa bene.

La solidarietà verso l’Unicef, che tutti dimostrano, insegnanti e genitori, nasce da un faticoso grande impegno collettivo, ma porta tanta allegria nell’animo.

Lo spettacolo è iniziato con il prof. De Angeli Leonardo, docente di Dizione e Paralinguismo, con la collaborazione di due bambini dell’Istituto dell’Obbligo che hanno letto due racconti. Il professore ha alla fine declamato una preghiera scritta da Trilussa nel 1914 che porta il Titolo “Ninna Nanna de la Guera” in forma dialettale romanesca. Una poesia declamata spesso dal grande attore Gigi Proietti, con contenuto molto attuale riferito ai disagi che la guerra porta a tutti, soprattutto ai bambini. Lungo applauso da un pubblico emozionato.

Poi la Scuola dell’Infanzia Pollicino ha fatto una dimostrazione del laborioso percorso di autonomia dei piccoli. Sul palcoscenico una immagine meravigliosa di circa 20 bambini che si muovevano in modo allegro e divertito. La Direttrice e Psicologa Giuseppina Petterini segue molto i bambini dei suoi 5 asili ed ha uno sportello di ascolto per i consigli da dare ai genitori e per risolvere i loro problemi, poiché vivono la difficile e meravigliosa crescita dei figli.

Poi arriva la scuola di danza “Inside Danza Studio” di Ronciglione diretta dalla danzatrice e coreografa Daria Giomma, che ha partecipato varie volte ai nostri spettacoli con la Danza ed Hip-Hop di molti suoi bravi alunni. Una volta al teatro lei stessa si è esibita in una strepitosa danza pugliese “la Pizzica” che molti ancora ricordano. Da questa scuola nata nel 2008 ha formato molti allievi che hanno fatto della danza la loro professione, entrando in Accademia ed intraprendendo percorsi nel Talent Fuori Classe.

Collabora con lei l’insegnante Cristina Giorgi, bravissima ballerina e già assistente coreografa sempre pronta a collaborare con la Direttrice Daria Giomma.

Ora è la volta del Centro Federale FIN Plus di Viterbo che ha portato la sezione danza ed Hip-Hip, diretta dall’insegnante Salvatore Coccia. Un folto numero di bambini si è esibito in balletti molto originali. Alcuni numeri mettevano in scena eventi della cronaca violenta. Molto interessanti e molto bravi aver saputo con la danza mimare il messaggio. Grandi applausi agli interpreti.

La scaletta poi ha avuto un cambiamento, per sopraggiunti improvvisi problemi personali dei due gruppi.

Gli alunni del Liceo Musicale Santa Rosa di Viterbo hanno suonato musiche folkloristiche e tre brani molto belli con il sax, ma sono stati molto bravi.

Ecco arrivare la Scuola New Angel Dance Accademy di Montefiascone, una scuola molto numerosa diretta dalla bella e brava insegnante Manuela Silvestri, Giudice Federale F.I.D.S., titolare della scuola ed autrice delle coreografie dei numeri Synchro Latin e Modern. Affiancata dalle sue collaboratrici, per la Ginnastica Ritmica Elena Principe, Giudice Federale A.S.C. , Annalisa Bono per la danza classica e Lilia Celestini per il corso Modern. Un folto numero di bambine, molto brave e contente di avere l’esperienza sul palcoscenico, ha ballato in modo professionale. Bravissime se consideriamo che molte di esse hanno iniziato l’attività solo a settembre e sono alla loro prima uscita, come pure le piccolissime della danza classica.

Tutte hanno entusiasmato il pubblico, che ha applaudito con gioia.

È la volta della DN Fitness di Vitorchiano con la sua sezione storica GYM’ ART diretta dalla prof.ssa Isabella Grossi. La ginnastica ritmica è caratterizzata dall’impiego armonioso di 5 piccoli attrezzi, palla, cerchio, nastro, clavette e funicella, che sono utilizzati nell’esecuzione di movimenti acrobatici accompagnati dalla musica. La ritmica potenzia la flessibilità del corpo e rende armonioso i gesti che pur essendo tecnici sono raffinati. Le alunne più grandi indossavano costumi di un verde molto brillante ed una coreografia che dimostrava l’armoniosità dei loro corpi mentre nel loro esercizio utilizzavano delle palle colorate. Anche la musica era appropriata e questo esercizio è risultato un colpo d’occhio indimenticabile. Tanti gli applausi.

In effetti la ginnastica ritmica era praticata sin dai tempi dei popoli primitivi, dagli Egizi e dagli antichi Greci e Romani, poi abbandonata ma ripresa da Guts Muths (1759-1839), considerato il padre della ginnastica ritmica il quale parlò di armonia di esercizi adatti alle caratteristiche femminili.

Ha concluso la serata la Scuola ASD Due Mondi di Ballo e Danza di Vetralla diretta da Sandro Pacetti e Serena Gavazzi i quali sono giudici di gare nazionali. I loro alunni veramente bravi si sono esibiti in numeri di ginnastica ritmica e balli latino-americani. Bravissimi!

La serata ha reso contenti tutti e molti si sono già prenotati per gli spettacoli di Maggio”.

Articolo precedenteGruppo Archeologico Città di Tuscania, elezioni del nuovo Consiglio Direttivo
Articolo successivoMalagò assegna la stella d’argento per meriti sportivi all’atletica leggera Alto Lazio