Aula magna ITT Leonardo da Vinci Viterbo

Dopo i successi collezionati lo scorso anno, i ragazzi del settore informatico dell’ITT Leonardo da Vinci ci riprovano e aderiscono con tre nuovi progetti al percorso Impresa In Azione, il programma di educazione imprenditoriale per le scuole superiori che Junior Achievement Italia, in collaborazione con il MIUR, mette in atto per gli studenti dai 16 ai 19 anni. Riconosciuto dal MIUR come forma di PCTO, il nuovo nome de percorsi di alternanza scuola lavoro, Impresa in Azione offre un’esperienza professionalizzante a stretto contatto con le aziende e il mondo esterno alla scuola.

Lo scorso anno i ragazzi dell’istituto avevano partecipato con due progetti innovativi: un braccialetto salvavita e un dispositivo antiabbandono. I due progetti hanno ottenuto vari riconoscimenti, tra cui il primo premio provinciale della competizione “Startupper School Academy” promossa da LAZIO INNOVA, il primo premio a pari merito alla competizione regionale “Impresa In Azione” dello scorso marzo, tenutosi a Roma nell’ambito della manifestazione “Startupper School Academy”, il premio speciale FEDEX vinto dal dispositivo antiabbandono, la partecipazione di entrambi i progetti a Milano alla competizione nazionale “Biz Factory – Bridging the Gap”, dove il bracciale IACO si è aggiudicato il 1° Premio nazionale “Ready to work AWARD”, il prezioso riconoscimento del RIBBON BLUE al MAKER FAIRE, la più grande fiera europea dedicata ai nuovi makers che si è tenuta a Roma nell’ottobre scorso.

Quest’anno i progetti presentati saranno tre, uno per ogni classe terza dell’articolazione informatica dell’Istituto, saranno progetti innovativi e relativi alla sicurezza stradale. Per il resto top-secret … si sa che le buone idee vanno mantenute segrete. Le tre classi saranno accompagnate durante il percorso dalle tre docenti tutor, rispettivamente la 3AIA dalla prof.ssa Lina Deriu, la 3BIA dalla prof.ssa Anna Baiano e la 3CIA dalla prof.ssa Agata Castori e da un esperto Dream Coach assegnato da Ja Italia, l’ing. Ireneo Germani, che segue l’ITT Leonardo da Vinci già dallo scorso anno.

Quindi non ci resta che augurare buon lavoro e un enorme in bocca al lupo ai nostri giovani imprenditori.