“L’aggressione ad una giovane disabile nel pomeriggio di venerdì a Viterbo è un fatto gravissimo che va condannato fermamente. Il ragazzo – a quanto si apprende – è stato vittima di un agguato, inseguito e poi  picchiato e rapinato da due coetanei. Bene ha fatto la mamma a denunciare subito l’accaduto e, nell’esprimere massima vicinanza al ragazzo e alla sua famiglia, ribadisco una condanna netta: non possiamo accettare che le nostre strade e le nostre città siano luoghi pericolosi e il nostro compito – in primis come Istituzioni – è quello di educare i giovani e le giovani alla non violenza e al rispetto della dignità umana. Il miglior antidoto ai crimini d’odio è l’educazione, ma serve una presenza istituzionale forte e decisa che condanni ogni forma di violenza e indichi la strada”.

Così in una nota Eleonora Mattia Presidente IX Commissione Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio del Consiglio Regionale del Lazio.