Il Comune di Viterbo accoglie la richiesta delle associazioni del territorio impegnate nella cultura della prevenzione del tumore al seno, e del Dipartimento della Salute della donna e del bambino della Asl e fa illuminare di rosa il palazzo papale per quattro serate. Il 7, il 14, il 21 e il 28 ottobre.

Lo comunica la presidente della consulta comunale del volontariato Donatella Salvatori. “Ritengo molto significativa l’illuminazione di monumenti cittadini per ricordare l’importanza della cultura della prevenzione. Un’attività che deve essere portata avanti ininterrottamente tutto l’anno, nel modo più capillare possibile. Queste iniziative sono fondamentali anche per sensibilizzare la popolazione affinché possa essere compreso pienamente il valore della prevenzione. È l’unico modo per poter combattere questa malattia, tra le più diffuse nel mondo femminile. In qualità di presidente della consulta comunale del volontariato – aggiunge Salvatori – ringrazio l’amministrazione per aver mostrato grande sensibilità su questa tematica, confermando l’illuminazione per ben quattro sere di ottobre. Un ringraziamento lo rivolgo alla Asl per il prezioso lavoro che porta avanti ogni giorno. E soprattutto non mi stancherò mai di ringraziare tutte le associazioni che da sempre coltivano e promuovono la cultura della prevenzione del cancro al seno”. “Tutti noi – ha sottolineato il sindaco Giovanni Maria Arena – a livello personale e ancor di più a livello istituzionale, dobbiamo contribuire a diffondere la cultura della prevenzione oncologica. Il Comune di Viterbo aderisce con convinzione a questa grande iniziativa di sensibilizzazione. Ottobre è il mese che più degli altri si distingue attraverso campagne informative sull’importante tematica. Ricordiamo che la prevenzione è importante ogni giorno dell’anno. A livello istituzionale daremo sempre il nostro sostegno a tutte le realtà impegnate in questo ambito. È importante che tutte le istituzioni lo facciano. Che tutti i comuni aderiscano, proprio come ricorda puntualmente Anci, da sempre accanto a queste importanti iniziative”.

“Un gesto simbolico che sottintende una seria e concreta campagna di sensibilizzazione – ha spiegato l’assessore ai servizi sociali Antonella Sberna – e che viene riproposto per ben quattro sere nel mese di ottobre. In questa fase di ripartenza, uno dei temi su cui la nostra amministrazione si vuole concentrare è proprio quello della prevenzione. Ritornare a promuovere una prevenzione costante, come segnale di civiltà e attenzione alla salute, in questo caso quella delle donne”.
“Il Comune di Viterbo, come ha già fatto in tante altre occasioni, illuminerà di luce rosa il monumento cittadino più rappresentativo – ha ricordato Laura Allegrini, assessore ai lavori pubblici – . Ritengo che certe iniziative vadano sostenute, condivise e rilanciate -. Ogni contributo è fondamentale. Ognuno lo fa come può. Il Comune, anche grazie alla Curia vescovile, lo fa con un gesto simbolico, ma sicuramente significativo. La prevenzione è fondamentale. Per tutti noi e per chi ci è accanto”.