Con uno spettacolo divertente e coinvolgente, Paolo Belli torna in teatro dal 5 marzo (Teatro dell’Unione, Viterbo). In “Pur di Far Commedia” storie e aneddoti esilaranti accompagnano il pubblico alla scoperta di personaggi a volte surreali, ma che si dedicano senza limiti a realizzare il sogno di vivere seguendo la propria passione. Nel nuovo spettacolo, scritto con Alberto Di Risio, Paolo racconta le mille peripezie ed i colpi di scena vissuti in tanti anni di carriera, fra esilaranti provini a musicisti strambi ma geniali, momenti di riflessione ed i suoi grandi successi rivisitati in una nuova veste. Prosa, canzoni e risate sono gli ingredienti di “Pur di Far Commedia” dove Paolo, accompagnato da sette musicisti, lascia più spazio al parlato, ai racconti e all’interazione con il suo pubblico, si lascia trasportare dai ricordi riuscendo a coinvolgere i presenti, emozionando ed emozionandosi, ripensando al percorso finora fatto.

Siamo in un’ipotetica sala prove e Paolo sta preparando il nuovo tour quando viene sopraffatto dagli eventi: fra ritardi, nuovi musicisti da provinare e personaggi dalla personalità ingombrante, la commedia racconta la vita quotidiana di chi fa questo mestiere con grande dedizione malgrado le mille difficoltà. Finito a sorpresa in questa eccentrica band, il protagonista dovrà adeguarsi al linguaggio dei suoi stravaganti musicisti.

Sono due le date previste in Lazio: la prima al Teatro dell’Unione di Viterbo (5/3) e la seconda a Frosinone il 21 marzo (Teatro Nestor). Entrambi gli appuntamenti sono promossi da A.T.C.L. Circuito multidisciplinare del Lazio sostenuto da MIC – Ministero della Cultura e Regione Lazio, con le amministrazioni locali.

“Pur di Far Commedia” ha debuttato con un sold out al Teatro Comunale di Carpi, in occasione dei festeggiamenti del Capodanno 2022. Quale modo migliore per iniziare una nuova avventura ed entrare in un anno che si preannuncia ricchissimo di grandi novità per Paolo Belli. Infatti sono ben due gli album in uscita nei prossimi mesi: il primo di cover, omaggio ai suoi maestri (Dalla, De Gregori, Fossati e Jannacci, per citarne alcuni) previsto per la primavera, mentre il secondo album, con brani inediti, uscirà subito dopo l’estate. A questi si aggiunge un compleanno speciale, quello dei 60 anni, che Paolo festeggerà sul palco nel mese di marzo, per proseguire poi da maggio nelle piazze insieme alla sua Big Band con concerti divertenti e ricchi di sorprese, per un anno che si spera possa significare per tutti il ritorno alla “normalità”.

Articolo precedenteViterbo, scavi per fibra ottica. Scolamiero scrive a Telecom e Unidata
Articolo successivoEx ospizio dei santi Simone e Giuda, Panunzi (Pd): “Grazie all’assessore Valeriani per aver colto l’importanza del recupero del complesso per Viterbo”