Oggi a Viterbo si è tenuta la presentazione di MuVi (Musei di Viterbo) e l’inaugurazione del Museo dei Portici. Presenti il Sindaco Giovanni Maria Arena, l’assessore Laura Allegrini, l’assessore Marco De Carolis e Giampaolo Ferone per Archoares.

Il Sindaco ha comunicato che l’apertura del Museo dei Portici di Palazzo dei Priori rappresenta un evento storico, che porterà sicuramente benefici al centro storico della città, che l’esposizione di due tele di Sebastiano del Piombo e la Pergamena del conclave (operazione complessa e difficile portata a termine grazie alla fattiva collaborazione del commissario della Biblioteca Paolo Pelliccia) rappresentano una testimonianza storico-culturale di altissimo valore.

Conferenza MuVi Viterbo

Laura Allegrini ha rammentato che il progetto esecutivo risale al 2017 per l’importo complessivo dei lavori di € 600.000,00.

Appalto vinto nel 2018 all’impresa MC Restauri.

Laura Allegrini

L’intervento ha riguardato il completo rifacimento dei locali dove erano presenti fino al 2018 gli uffici dell’Anagrafe e dello Stato Civile poi trasferiti all’Ex Convento dei Carmelitani Scalzi a Piazza Fontana Grande.

Sono state demolite tutte le pavimentazioni, successivamente rifatte in peperino in accordo con la Soprintendenza ed in sostituzione del cotto previsto in progetto.

Gli infissi (finestre, portefinestre e portoni) sono stati recuperati e restaurati. Sono stati aggiunti ulteriori infissi interni per aumentare la tenuta termica e, soprattutto, la sicurezza dei locali stessi con il rifacimento di tutti gli impianti elettrici e la realizzazione ex novo di quelli di illuminazione, antincendio, antintrusione, videosorveglianza e connessione dati. È stato realizzato anche un BOOKSHOP che sarà gestito da Arcoares.

Marco De Carolis

In seguito alla richiesta della Soprintendenza di modifiche da apportare all’allestimento dei locali relativo al posizionamento delle tavole, a novembre sono state ultimate nuove strutture per l’accoglimento delle attuali teche in plexiglass. Sono intervenuti poi l’assessore De Carolis che ha spiegato il perché del MuVi con biglietto unico per visita a Museo Civico, Museo delle Ceramiche, Teatro Unione, Polo Monumentale Duomo Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa. Ferone in conclusione ha manifestato soddisfazione per il duro lavoro, spiegato il marchio e tutte le iniziative legate e collegate tra loro.

Giampaolo Ferone

Articolo precedenteVitorchiano, raccolta rifiuti porta a porta: le novità del 2022
Articolo successivoLazio, 20 milioni di euro in favore di Atac e Cotral