Il presidente Zingaretti ha conferito al Comune il riconoscimento per i risultati raggiunti

 

Nuovo e importante riconoscimento per il Comune di Vitorchiano, premiato dalla Regione Lazio per aver raggiunto l’80% di raccolta differenziata. Dopo l’attestato già ricevuto lo scorso 7 luglio da Legambiente come “comune riciclone” per la bassa produzione di rifiuto secco indifferenziato, ora è il presidente Nicola Zingaretti a conferire il premio Differenziamoci 2020 all’amministrazione Grassotti per l’elevata percentuale raggiunta nel differenziare i rifiuti.

Il 22 luglio a Roma, nell’evento “Lazio Green. Comuni puliti 2020” svoltosi in presenza e trasmesso dalla Regione in diretta sui suoi canali social, Vitorchiano è risultato secondo nel Lazio, oltre che primo nella provincia di Viterbo, nella categoria dei comuni con popolazione tra 5 e 15mila abitanti per l’impegno e i traguardi conseguiti nella corretta gestione del ciclo dei rifiuti urbani.

Un risultato che ci rende orgogliosi – commenta il consigliere delegato al turismo Alessandro Vagnoni, presente alla cerimonia in rappresentanza del Comune – e per il quale dobbiamo innanzitutto ringraziare i cittadini di Vitorchiano, vero motore e veri protagonisti del lavoro svolto fin qui, grazie al loro impegno e a piccoli ma fondamentali gesti quotidiani“. Ogni cittadino vitorchianese, infatti, oltre ad aver prodotto mediamente meno di 1,3 kg a settimana di rifiuto indifferenziato (corrispondenti a circa 65,6 kg annuali), ha contribuito, al raggiungimento dell’80% di raccolta delle frazioni differenziabili.

I traguardi raggiunti e di cui andiamo fieri – aggiunge l’assessore all’ambiente Federico Cruciani – sono frutto di un lungo lavoro sulla raccolta differenziata e sulle buone pratiche, a partire dal monitoraggio puntuale partito nel 2019. Produrre con continuità meno rifiuto indifferenziato si sta rivelando una sfida che tutti insieme abbiamo accettato e vinto. Oltre al rispetto dell’ambiente e delle regole e alla tutela del territorio, tutto ciò ha inoltre permesso di contenere gli effetti negativi dell’aumento dei costi in discarica, cresciuti sia per la frazione indifferenziata sia per quella dell’umido organico“.

Il Comune ha così potuto varare un PEF rifiuti (Piano economico finanziario) che, nonostante i nuovi metodi di calcolo stabiliti da ARERA con l’introduzione di nuove partite contabili, dopo il calo medio del 2020 rispetto al 2019, risulta ulteriormente limato al ribasso anche per il 2021. “I buoni dati consuntivi del 2020 così come quelli del 2019 – conclude il sindaco Ruggero Grassotti – stanno dimostrando che le novità introdotte due anni fa hanno rappresentato una vera e positiva rivoluzione, condivisa con i cittadini. Un disegno organico volto a migliorare il sistema nel suo complesso, a tutto vantaggio dei vitorchianesi”.