Mantenute le agevolazioni per le attività. Il Comune dice no al deposito rifiuti radioattivi

Le tematiche relative alla gestione dei rifiuti protagoniste dell’ultima seduta del consiglio comunale di Vitorchiano (la cinquantaduesima), tenutasi il 29 giugno 2021. In primis, è stato illustrato e approvato il nuovo regolamento che disciplina la tassa sui rifiuti (TARI), in ottemperanza al decreto legislativo 116/2020 che incide direttamente sul testo unico ambientale. Anche per quest’anno sono confermate le agevolazioni, dal 25% all’85%, per tutte le utenze non domestiche che hanno risentito degli effetti negativi dell’emergenza sanitaria, con particolare riferimento alle attività commerciali e produttive che hanno avuto limitazioni nello svolgimento dell’attività. Confermate inoltre le agevolazioni e riduzioni automatiche anche alle utenze domestiche relative a nuclei familiari in situazioni di necessità e già beneficiarie delle agevolazioni sociali previste sull’utenza idrica ed elettrica.

Il consiglio comunale ha quindi approvato, secondo le nuove linee guida stabilite da ARERA (Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente), il Piano economico e finanziario (PEF) dei rifiuti 2021 e delle relative tariffe, con la determinazione delle date di pagamento. Un piano finanziario, come previsto dalle norme, validato dal COSEA (Consorzio servizi ambientali). “Questa delibera – spiegano dall’amministrazione – evidenzia come il calo medio dei costi del ciclo urbano dei rifiuti, peraltro già registrato nel 2020 rispetto al 2019, proseguirà anche nel 2021 con una ulteriore limatura al ribasso. Si tenga presente che si tratta di un calo medio che si distribuisce in maniera non uniforme sulle singole utenze in base alla tipologia di immobile e al numero di componenti del nucleo familiare. Tutto ciò ribadisce la positività del percorso di efficientamento del servizio di raccolta differenziata che, grazie al fondamentale contributo di ogni cittadino, ha permesso, in particolare dal 2019, di compensare gli aumenti dei costi di conferimento in discarica“.

Sempre in tema di ambiente, il Comune di Vitorchiano manifesta la sua netta contrarietà alla proposta della Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (CNAPI) relative al progetto preliminare di deposito nazionale e parco tecnologico dei rifiuti radioattivi italiani, individuato nel territorio provinciale di Viterbo, ricco di arte, storia e natura e dalla forte vocazione agricola, che non merita di essere trasformato in un deposito di scorie.

Infine, il consiglio comunale ha deliberato la prosecuzione della convenzione per la gestione associata della segretaria comunale tra il Comune di Vitorchiano e quello di Gallese.