l sindaco Alessandro Romoli: “È stato possibile grazia a una fruttuosa collaborazione tra pubblica amministrazione e soggetti privati”

Un affaccio mozzafiato sulla Valle del Tevere e sulla vicina Umbria. Un panorama incredibile da poter ammirare finalmente dopo oltre 40 anni.

A Bassano in Teverina è stata infatti riaperta al pubblico via Capitano Ambrosi, che da piazza Finzi – dove sorge la famosa Torre dell’Orologio – si apre sulla Valle del Tevere. La strada era infatti chiusa dalla fine degli anni Settanta perché pericolante e sono moltissimi i cittadini bassanesi che fino ad oggi non l’avevano mai né vista né percorsa.

Ora la riapertura di via Capitano Ambrosi, dopo quasi mezzo secolo di chiusura al pubblico, è finalmente realtà. L’intervento si inserisce all’interno del programma di riqualificazione del borgo al quale l’amministrazione comunale di Bassano in Teverina sta lavorando con continuità da anni.

Nello specifico, la riapertura di Via Capitano Ambrosi e della sua terrazza sulla Valle del Tevere è stata possibile grazie a una fruttuosa collaborazione tra pubblica amministrazione e soggetti privati. Sulla stessa strada infatti sono stati svolti contemporaneamente progetti di consolidamento e recupero dei fabbricati da parte di privati che hanno potuto operare sulla scia del piano di recupero approvato dall’amministrazione comunale.

La riapertura di via Capitano Ambrosi, evento atteso da tanti decenni dai bassanesi, rappresenta dunque solo l’ultimo di una lunga serie di risultati e obiettivi raggiunti dall’amministrazione comunale nell’ambito del progetto di recupero del borgo: tra questi l’ingresso del centro storico medievale nell’associazione dei Borghi più belli d’Italia, i lavori di consolidamento di interi versanti fino ad oggi chiusi al pubblico e l’installazione di un impianto di riqualificazione illuminotecnica.

“Via Capitano Ambrosi appartiene ai bassanesi da sempre e ai bassanesi doveva tornare – ha commentato il sindaco Alessandro Romoli -. Questo progetto è stato possibile grazie a una fruttuosa collaborazione tra pubblico e privato che, come abbiamo dimostrato ancora una volta, possono lavorare insieme con risultati più positivi per la comunità e il territorio”.

“Non ci sono parole per descrivere l’affaccio che via Capitano Ambrosi offre sulla Valle del Tevere non ha – ha aggiunto il primo cittadino -. Bisogna solo venire al borgo e ammirarlo con i propri occhi”.