Ci sono molte parole chiave nella blockchain, ma poche suscitano la stessa emozione di “decentramento”. Per molti di noi, è stato il sogno del decentramento che ci ha ispirato in primo luogo a intraprendere il settore, la forza trainante che ci ha incoraggiato a esplorare i numerosi settori e aree di pratica che potrebbero essere positivamente influenzati da questa tecnologia.

Dire che il decentramento è un elemento importante del potenziale della criptovaluta sarebbe un grosso eufemismo. Tuttavia, credo che la comunità delle criptovalute sia fuorviata nella convinzione che il decentramento sia una soluzione definitiva ai mali della centralizzazione come la conosciamo.

Il decentramento può aiutare a risolvere alcuni problemi delle criptovalute?

Sì, il decentramento può aiutare a eliminare alcuni dei problemi inerenti all’infrastruttura centralizzata, ma il decentramento è necessariamente il nostro obiettivo? Nella ricerca dell’adozione di massa, il decentramento non dovrebbe essere il nostro obiettivo, ma piuttosto un mezzo per raggiungere i molti obiettivi diversi e ugualmente importanti che esistono per gli utenti di criptovaluta.

Nella ricerca dell’adozione di massa, il decentramento non dovrebbe essere il nostro obiettivo, ma piuttosto un mezzo per raggiungere i molti obiettivi diversi e ugualmente importanti che esistono per gli utenti di criptovaluta.

Quando sono caduto per la prima volta nella tana del coniglio di Bitcoin cinque anni fa, anch’io ho pensato che il decentramento fosse il “Santo Graal” per il successo del settore.

Ho riconosciuto (e continuo a riconoscere) i problemi fondamentali con la centralizzazione e ho condiviso la visione idealistica di mantenere decentralizzate le criptovalute come Bitcoin ed Ethereum in mezzo ai rapidi progressi del settore.

Nonostante le problematiche le criptovalute hanno avuto una grande espansione e sono molto popolari. Anche perché sono facilmente accessibili attraverso piattaforme affidabili come tesla coin app.

Col tempo, tuttavia, mi sono reso conto che il decentramento è un concetto ampio che può essere costoso, difficile da implementare e, soprattutto, difficile da definire.

Poiché ogni persona entra nella comunità con la propria definizione di “decentramento”, è molto più probabile che rifiuti prematuramente progetti che non soddisfano la sua visione. In molti modi, questo conflitto è servito da catalizzatore che ha spinto molte monete, e le rispettive comunità, a separarsi l’una dall’altra.

Nella ricerca di una soluzione, ritengo che sviluppatori e investitori allo stesso modo debbano essere disposti a scendere a compromessi per fare appello a un pubblico in generale a cui potrebbe importare meno della parola “decentramento” e più delle parole “veloce, economico, conveniente, accessibile o privato.”

Se il tuo prodotto è troppo difficile, costoso o inaccessibile, il tuo pubblico di destinazione semplicemente non lo utilizzerà. Come nel caso della maggior parte delle cose nella criptovaluta, le distinzioni nel decentramento non sono sempre in bianco e nero.

Come definire la decentralizzazione?

Mentre una persona potrebbe definire la decentralizzazione come ogni persona che esegue il proprio nodo, un’altra potrebbe definirla come avere più team di sviluppo concorrenti che lavorano su un determinato protocollo, mentre un’altra persona potrebbe definirlo come la distribuzione del potere di mining.

Nessuno di questi individui ha torto in alcun modo, ma poiché non sono d’accordo, è più probabile che si accusino a vicenda di centralizzazione intrinseca.

Qui sta il problema: poiché non esiste uno standard concordato per il decentramento, è impossibile per la comunità delle criptovalute raggiungere un consenso su quali progetti siano effettivamente decentralizzati. Non può essere l’obiettivo se non esiste una metrica su come raggiungerlo con successo.

Si consideri ad esempio il ruolo degli scambi decentralizzati (DEX). Mentre la maggior parte delle piattaforme di scambio funge da intermediario per il trading efficiente di criptovaluta tra utenti, i DEX possono eliminare l’intermediario dall’equazione, collegando semplicemente l’acquirente e il venditore attraverso una transazione di criptovaluta.

Ci sono evidenti vantaggi nel decentrare questo processo:

  • Eliminare il rischio di custodia consentendo a ciascun utente di controllare i propri fondi
  • Consentire un accesso più ampio allo scambio da chiunque nel mondo
  • Consentire un accesso più ampio a qualsiasi risorsa di criptovaluta
  • Fornire privacy senza requisiti Know-Your-Customer (KYC)
Articolo precedenteI token non fanno una democrazia: Buterin critica il voto on-chain
Articolo successivoPoste Italiane: servizio filatelico temporaneo con bollo speciale con la dicitura “12^ Edizione  ”La Butterata” – Notti Bianche Maremmane”