Con la raccolta di tutti i tipi delle uve bianche, la vendemmia nel contado falisco è entrata nella sua fase finale e la conclusione è prevista intorno alla prima settimana di ottobre.

In quella data sarà possibile avere tutti di dati certificati che permetteranno di valutare l’andamento dell’intera stagione vinicola.

La prima rilevazione dei dati, fatta sulla ormai conclusa raccolta delle uve rosse, consente di ritenere la stagione estremamente positiva, per l’EST! EST!! EST!!!. Tanto ottimismo proviene dall’alta qualità riscontrata per le uve consegnate in cantina, dalle quali si è avuta un’ottima qualità del vino già prodotto e stoccato negli appositi silos ove ha iniziato la fase della sua prima fermentazione.  

Di alta qualità sono state ritenute anche le uve, sia rosse che bianche, provenienti dalla maremma nella zona di Canino, le quali, da diversi anni, confluiscono nella Cantina di Montefiascone.

Una particolare riflessione va fatta sulla quantità dell’uva prodotta che ha registrato una forte difformità tra le diverse zone; in alcune, più aride, causa la siccità, vi è stata flessione, mentre, in altre che hanno risentito meno del negativo fenomeno climatico, vi è stata un’alta produzione, per cui si è creata una compensazione.

Queste considerazioni necessitano di conferma, occorre attendere i dati definitivi di fine stagione per le valutazioni conclusive.

Brigliozzi Pietro

Articolo precedenteBattistoni (Mipaaf): “Complimenti ad aziende viterbesi per successi agli Oscar Green”
Articolo successivoCoordinamento Regionale Acqua Pubblica del Lazio: “L’ACQUA PUBBLICA non si fa con l’ATO UNICO”