REGIONE – “Leggiamo l’appello di sindaci che dopo oltre quattro anni di legislatura e a quattro mesi dal voto definiscono Zingaretti come unico leader in grado di governare il Lazio. Il tono totalmente autoreferenziale della nota, inappropriato e ingiustificato, con il quale si evidenziano chissà quali fantomatici risultati ottenuti da Zingaretti, va a sbattere con la realtà e con i cittadini costretti a convivere con l’incapacità gestionale del presidente.

Spiace inoltre constatare l’adesione all’appello anche di alcuni sindaci di amministrazioni sostenute dal centrodestra, evidentemente folgorati sulla via di Damasco”.

Lo dichiara il consigliere regionale del Lazio Daniele Sabatini.

“A Viterbo invece raggiungiamo il tragicomico: non solo abbiamo dovuto subire le bugie del duo Zingaretti-Michelini, che per anni ha millantato di portare avanti il cosiddetto “patto per Viterbo” annunciando benefici per la città e per il rilancio dell’economia ad oggi mai realizzati, adesso ci troviamo addirittura Michelini che si imbatte in una improbabile volata per la rielezione di Zingaretti.

Il sindaco del capoluogo farebbe bene a prendere coscienza dei problemi della città e tentare di uscire dall’immobilismo in cui è rimasto in questi anni, invece di imbattersi in annunci che non portano alcun beneficio a Viterbo”.