VITERBO- È giunto quest’anno a quota 53 edizioni il trasporto della Mini Macchina di Santa Rosa, che, ogni 1 settembre illumina le vie del centro di Viterbo. 

La Mini Macchina di Santa Rosa è tradizione risalente: da sempre i bambini “viterbesi” “giocano” alla Macchina di Santa Rosa per le viuzze del centro, emulando il trasporto del 3 settembre, ricreando, con oggetti di fortuna e vecchi scatoloni, la Macchina. 

È negli anni ’60 che il gioco della Macchina viene istituzionalizzato: nasce la Mini Macchina di Santa Rosa e i Mini Facchini. 

Divenuto ormai corsus honorum per molti dei Facchini futuri, oggi la Mini Macchina impegna ogni anno circa 250 bambini. I modelli, che mantengono lo stesso peso e le stesse dimensioni negli anni, sono originali, progettati dai componenti del Comitato Centro Storico di Viterbo e si ispirano ai vari monumenti cittadini; all’apice della struttura, Santa Rosa. 

Il trasporto della Mini Macchina è stato accompagnato dal corteo di bambini che portano il ricordo dei “Miracoli di S. Rosa”, dai Figuranti della Rievocazione Storica “La Contesa” e dalle “Sbandieratrici e Gruppo Storico-Musicale Città di Viterbo”. 

Commenta con il tuo account Facebook