Alimentari

Il packaging alimentare è un servizio articolato in diverse fasi: dalla scelta dei materiali alla produzione del packaging, dall’applicazione di accessori alla personalizzazione estetica della confezione.

Il settore del packaging alimentare deve seguire delle linee guida definite dalle normative vigenti in materia di alimenti. Tra queste linee guida troviamo, per l’appunto, alcuni importanti riferimenti ai M.O.C.A (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti), ovvero il controllo e la qualità della confezione che entra in contatto con gli alimenti all’interno della confezione, che svolge la funzione di preservare la qualità dell’alimento stesso.

La confezione di un prodotto alimentare deve impedire eventuali contaminazioni, preservando la qualità del prodotto al suo interno e deve informare il consumatore sulle caratteristiche dell’alimento che vuole acquistare.

Le forniture per packaging alimentare sono dei servizi offerti dalle aziende addette alla produzione di imballaggi per alimenti e forniscono alle aziende anche un servizio di packaging personalizzato.

Le normative relative al packaging degli alimenti si sono evolute molto rapidamente negli anni, concentrandosi sullo sviluppo di nuovi materiali capaci di assicurare una maggiore protezione. Gli sviluppi delle normative hanno regolamentato anche il processo di produzione dei packaging, evitando la possibile contaminazione della confezione e degli alimenti con prodotti utilizzati durante la produzione.

Normative sulla produzione e il confezionamento alimentare

Gli alimenti in commercio in Italia e in Europa devono seguire tutte le caratteristiche e qualità indicate nelle normative di riferimento. Tutti gli ambiti nel settore alimentare devono rispondere a precisi standard di fabbricazione, confezionamento e distribuzione degli alimenti: dalle materie prime al prodotto finito.

Le imprese che si occupano del confezionamento degli alimenti devono seguire le linee standard dettate dal Pacchetto Igiene, che regolamenta tutti i passaggi produttivi all’interno dell’azienda.
Il controllo di qualità degli alimenti non viene effettuato dagli addetti interni all’azienda ma da un terzo soggetto addetto alla qualità e proveniente da una ditta esterna.

Nel settore alimentare c’è stata una particolare rivoluzione per gli stati europei, e riguarda l’uniformità delle azioni per garantire la sicurezza e la libera circolazione dei prodotti alimentari. Questa rivoluzione interessa ogni fase del processo produttivo degli alimenti, dalla raccolta delle materie prime, alla lavorazione e al confezionamento degli stessi, senza escludere la distribuzione dei prodotti alimentari.
La  rivoluzione delle normative legate al settore alimentare ha introdotto, negli ultimi anni, ulteriori modifiche anche sull’etichettatura.
L’etichettatura è un processo molto importante durante il processo di packaging alimentare ed è fondamentale riportare le caratteristiche dell’alimento all’interno della confezione per garantire una totale trasparenza nei confronti del consumatore.

Confezionamento alimentare conto terzi: come funziona

Ogni tipologia di prodotto ha un proprio iter di confezionamento, in base alle proprie caratteristiche chimiche, fisiche e biologiche. Alcune aziende di imballaggio alimentare non hanno macchinari adatti al confezionamento di questi prodotti e si procede con il confezionamento alimentare conto terzi.

Quando si parla di confezionamento alimentare conto terzi, per l’appunto, si fa riferimento a specifiche lavorazioni realizzate con strumenti all’avanguardia. Molte aziende eseguono lavori di confezionamento specifici commissionati da altre aziende di imballaggio, perché sono in possesso di questi macchinari automatizzati che possono confezionare a norma le materie prime o alimenti più lavorati.