VITERBO – Imperdibile appuntamento musicale a Viterbo con il “Concerto di Ferragosto” di “Viterbium in Musica” che le sorelle musiciste e Terziarie francescane Daniela e Raffaella Sabatini nel loro Duo “Ut Unum Sint – Strumenti di Pace” terranno mercoledì 15 agosto alle ore 21 alla Sala Mendel del Convento della Trinità dei Padri Agostiniani (piazza della Trinità) per la Solennità dell’Assunta con la prima esecuzione mondiale della “Messa Giubilare in onore della Madonna della Quercia” espressamente composta per questo Anno Giubilare
Diocesano dalla celebre pianista e compositrice Daniela Sabatini.

Autentico “unicum” in campo compositivo che si collega idealmente sia all’ampio affresco musicale “I Miracoli della Madonna della Quercia” composto dalla stessa autrice ed eseguito in prima mondiale dal Duo “Ut Unum Sint – Strumenti di Pace” nel Concerto inaugurale della rassegna tenuto il 23 settembre 2017, sia ai numerosi omaggi compositivi e musicali che le sorelle Sabatini hanno tenuto durante l’ intero Anno Giubilare in onore della Patrona di Viterbo, facendo inoltre memoria con brani espressamente da loro scritti anche dei vari Santi a Lei devoti e che si sono recati in pellegrinaggio al Suo Santuario, la “Messa Giubilare” sarà preceduta da un’ altra importante prima esecuzione mondiale: “Alla Madonna della Quercia”, scritta “a quattro mani” dalle sorelle Sabatini e frutto di un loro appassionato lavoro di ricerca che racchiude varie preziosità musicologiche da loro riscoperte e trascritte per violino e pianoforte, quali una serie di Inni e preghiere musicali ispirate alla Custode di Viterbo fra cui il notissimo Inno tradizionale e l’Inno Giubilare “Patto d’ Amore” la cui musica ed il testo, che risuonano in tutti i concerti di “Viterbium in Musica”, sono stati composti e scritti dalle sorelle Sabatini espressamente per questo Anno Giubilare ed il cuit testo recita: “Madonna della Quercia, prega pei figli Tuoi. Nel Patto d’ Amor Viterbo proclama la sua fè. Tu che sei nostra Madre, Custode e Patrona, Deh proteggi e intercedi per questa Tua città. Il dolce e seren Tuo viso, nel cuor sempre noi portiamo Dipinto dal Paradiso, abbraccia ogni fedel. Quanti a Te s’ affidano, quanti sincer T’invocano, Madonna della Quercia, salva col Tuo amor Le grazie Tue dal Cielo giungono a noi copiose, e sempre fedele e grata Viterbo loda Te. Con fervente e vivo ardore, in questo Giubileo, nel rinnovato Patto, tutti Tuoi noi siam !”.

Il concerto, come tutti gli eventi della rassegna “Viterbium in Musica – I Concerti Celebrativi del Giubileo della Diocesi di Viterbo” ideato e diretto dalle sorelle musiciste e religiose francescane Daniela e Raffaella Sabatini ed unica iniziativa artistico-musicale per l’ Anno Giubilare Diocesano indetto da Papa Francesco, è a ingresso libero e gratuito e culmina sia l ‘intenso programma di concerti spirituali delle sorelle Sabatini dedicati al 6° centenario della Madonna della Quercia, al 550° anniversario del Patto d’ Amore ed alla Santità nel Viterbese sia i concerti dedicati al “Trittico di Messe mariane” composte da Daniela Sabatini in questo anno 2018 ed eseguite con grande successo insieme ai rispettivi Inni sempre in prima mondiale dagli Ensembles “Ut Unum Sint – Strumenti di Pace” e “De Musica” delle sorelle Sabatini : la “Messa in onore della Madonna Liberatrice” eseguita il 28 maggio scorso alla Chiesa della Ss. Trinità dove la venerata icona della protettrice di Viterbo è custodita , e la “Messa per la Madonna de’ Noantri – Messa Trasteverina”, su testo sacro tradotto in dialetto romanesco ed eseguita il 27 luglio scorso a Roma nella Chiesa di S. Agata – Santuario della Madonna del Carmine di Trastevere, la prima in assoluto in omaggio alla “Madonna fiumarola” ed alle tradizioni religiose e popolari di Trastevere ed è dedicata all’ insigne pittore romano Sergio Sabatini (Roma, 1930 – Viterbo, 2013) , padre delle musiciste noto anche come “Er Pittore de ‘Noantri” che a lungo visse ed operò nella Tuscia e del quale nella Chiesa di S. Agata in Trastevere è conservato un grande quadro ispirato alla Madonna de’ Noantri”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email