Bassano Romano, taglio del nastro per la nuova sede dell’AVIS

0

 

BASSANO ROMANO – Taglio del nastro per la nuova sede dell’AVIS di Via San Gratiliano. Questa mattina (sabato 9 luglio), infatti, sono stati inaugurati i locali tutti ammodernati dell’Associazione locale guidata dal Presidente Michele Catone che ha tenuto a ringraziare l’Amministrazione Comunale per la velocità con cui sono stati portati a termine i lavori necessari per poter continuare a svolgere il servizio che da anni viene erogato nel paese.

All’inaugurazione, oltre al Consiglio Direttivo dell’AVIS e ai donatori, era presente una delegazione dell’Amministrazione Comunale con il Sindaco Emanuele Maggi, il Vice Sindaco Ugo Pierallini, gli Assessori Yuri Gori e Valentina Zibellini, il Presidente del consiglio comunale Alfredo Boldorini ed i consiglieri Mauro Moroni e Francesco Palazzetti.

“Oggi – ha dichiarato il Presidente dell’AVIS, Michele Catone – dobbiamo ringraziare l’Amministrazione Comunale che, grazie al pronto intervento ed ai lavori portati a termine in termini brevissimi, ci consente di poter continuare a svolgere il nostro ruolo. I lavori sono stati necessari anche per rispondere ad alcune esigenze che ci sono state poste dalla ASL. Dall’altra parte, l’ammodernamento della nostra sede ci consente di poter portare avanti il nostro operato con maggior efficienza ed efficacia”.

L’AVIS di Bassano Romano rappresenta uno dei fiori all’occhiello delle sezioni nella provincia viterbese nel rapporto tra la popolazione e le donazioni effettuate.

“Conosciamo tutti – afferma il primo cittadino Emanuele Maggi – il lavoro che da sempre portano avanti il Consiglio Direttivo, i volontari ed i donatori e che serve a salvare vite umane. I risultati eccellenti, in termini di donazioni registrate a Bassano Romano, fanno emergere un grande senso civico e di solidarietà che appartiene alla nostra popolazione, di cui mi sento estremamente fiero. L’Amministrazione Comunale vuole esprimere ancora il sostegno e la vicinanza all’AVIS, nella convinzione che insieme possiamo continuare a crescere e ad offrire aiuto alle persone meno fortunate. Il sentimento di comunità nasce e si sviluppa con la collaborazione ed il soccorso alle vite umane”.

Taglio nastro

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.