Aucs in prima linea per il rilancio del territorio e l’integrazione studentesca

0

VITERBO – Dopo un periodo durante il quale ha affrontato vari argomenti tra cui la cooperazione con le popolazioni in via di sviluppo, l’AUCS ora si sta occupando delle tematiche riguardanti il territorio e quelle che interessano gli studenti all’interno dell’università, come l’integrazione.

 

Lo scopo principale dell’associazione è quello di creare un tessuto sociale forte, interno ed esterno all’ateneo, con un grande interesse rivolto all’ambiente. A.U.C.S., l’associazione universitaria per la cooperazione e lo sviluppo dello studente, è un’associazione molto giovane, nata all’interno dell’Università degli studi della Tuscia al momento della formazione del dipartimento di cooperazione e sviluppo. Una volta chiuso il dipartimento di cooperazione e sviluppo è rimasta attiva ed ha spostato la sua sede nell’ex facoltà di agraria. Svolge un’opera molto importante all’interno dell’Ateneo viterbese.

 

Alcuni dei progetti dei quali si stanno occupando sono la collaborazione con la scuola elementare Grandori di Viterbo per aiutare tutti a gestire l’orto sinergico che sta portando avanti da molto tempo insieme ad un orto tradizionale. Ogni mese incontrano i bambini nell’orto ed esercitando attività diverse fanno capire ai piccoli allievi l’importanza di un aiuto reciproco e di come anche in un orto sia importante la cooperazione tra piante. Un altro progetto è il Food Forest, un sistema agroforestale creato per l’uomo ma soprattutto per l’ambiente stesso in quanto non vengono usate sostanze o metodi dannosi. Si basa sull’associazione di piante erbacee, arbustive fino ad arrivare all’alto fusto e alle piante rampicanti che come per l’orto sinergico interagiranno per condividere i nutrimenti con la pianta centrale che è l’alto fusto. Si parla di piante per lo più commestibili e la Food Forest sarà divisa in una parte boschiva ed una orticola che verranno rese disponibili per le sperimentazioni degli studenti.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.