A Montefiascone vola lo stage di calcio estivo

0

Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – Il campo estivo del calcio giovanile del Montefiascone, con la supervisione dei tecnici dell’alma formazione Empoli, giunto alla sua decima edizione, vola ancora in alto sotto la guida dei tecnici venuti dalla vicina terra toscana appartenenti allo staff della gloriosa società Empoli Calcio.

Anche in questa stagione, duemila sedici, l’addetto ai rapporti con l’Empoli Calcio, Federico Sciuga, con il supporto di tutta la dirigenza dell’A.D.S. Montefiascone calcio del presidente Minciotti, e la collaborazione operativa del direttore di settore giovanile, C. Santini e Roberto Turci, si sta tenendo negli impianti sportivi delle Fontanelle, l’annuale incontro di selezione e perfezionamento calcistico dei ragazzi che orbitano all’interno della prestigiosa società dei colli vulsinei.

Allo stage, presieduto dai tecnici toscani Emanuele la Rocca, Pino De Foti, Francesco Nuti, Michele Genazzani e Leonardo Baldini in qualità di preparatore dei portieri con la supervisione di Simone Giunti responsabile delle società affiliate, stanno partecipando ben sessanta ragazzi appartenenti alle categorie giovanili provenienti da tutta la provincia di Viterbo. Il numero dei partecipanti, in base alle richieste, poteva essere più cospicuo, ma per fare un buon serio lavoro, i dirigenti responsabili dell’Empoli calcio, hanno preferito limitare il numero dei partecipanti e, per questo motivo tecnico-logistico-operativo, l’intero direttivo dell’A.S.D. Montefiascone intende scusarsi con quei ragazzi che non sono rientrati in questi sessanta.

I ragazzi si recano allo stadio delle Fontanelle nelle prime ore del mattino per rimanervi tutto il giorno fino alla sera, ovviamente consumando il pranzo nel locale allestito all’aperto ma comunque coperto, onde salvaguardarsi di eventuali negative condizioni atmosferiche e per tutto il giorno si allenano e svolgono partitelle sotto la direzione dei tecnici della prestigiosa formazione toscana che milita nel massimo campionato delle serie A.

E’ un momento importante di fine stagione, per i ragazzi di Montefiasocne, che apre spiragli di buone prospettive future per questi ragazzi che del mondo del calcio. Quanto stanno fecendo è un loro motivo di sano sviluppo fisico, di ponderata crescita, di assunzione di responsabilità nella loro vita, e, infine, perché no, il loro lancio verso le alte vette del calcio italiano.

I tecnici suddetti, negli incontri avuti in questi giorni, hanno elogiato l’A.S.D Montefiascone per la serietà con cui opera, per l’impegno che mette nel curare i ragazzi cercando in primo luogo di formare prima la loro persona ed il loro essere persone poi curando che imparino bene a giocare al calcio senza loro precludere nulla. Montefiascone è una bella relata calcistica e la città è davvero invidiabile sia per i suoi contenuti storici, sia per i monumenti che la rendono una cittadina di tutto rispetto, quasi unica nel suo genere specialmente sotto il profilo dei panorami. Credo, ha affermato Simone Giunti, sulla Torre del Pellegrino, che non esista al mondo un panorama a così grande respiro ove nei trecentosessanta gradi del cerchio la vista si perde in un immenso scenario gradevole e, per questo, diverso facendo di questa Torre un Punto di osservazione che lancia la vista umana verso l’infinito.

 

Ci sono, nel gruppo dei sessanta, diversi ragazzi molto bravi che attirano la nostra attenzione, ci ha confidato il tecnico Nuti, sui quali stiamo ponendo il nostro occhio e sarà costante la nostra attenzione, senza per nulla escludere che con la loro crescita potranno approdare nelle fila della nostra società.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.