“No ad altri 5 anni di apprendisti della politica”

1

 

VITORCHIANO – “E’ opportuno chiarire agli elettori vitorchianesi, da rappresentante uscente della lista Miglioramento, in qualità d’attuale consigliere di minoranza insieme al collega Sante Fabbri, la necessità vera di dare al paese una svolta per le prossime elezioni, per farlo rifiorire dopo cinque anni d’amministrazione Olivieri, senza dubbio la peggiore dell’età repubblicana, sostenuta da quella lista “Insieme per Vitorchiano” che si presenta per proporre a candidato sindaco Ruggero Grassotti.

 

Se mi era balenata l’idea d’astenermi ad entrare nell’agone politico di questa tornata elettorale, invece ho reputato opportuno non lasciare per continuare a combattere, come ho fatto in questi ultimi cinque anni dai banchi dell’opposizione, tutte quelle forme di mala politica travisata a volte d’interessi personali, per confermare l’attaccamento verso un’opera dedicata alla collettività e al soddisfacimento dei bisogni del cittadino.

 

Non pensavo che dopo la nullità dell’amministrazione Olivieri la lista “Insieme per Vitorchiano” potesse candidare un esponente con l’aspirazione di far rinascere il paese , come afferma Ruggero Grassotti, confermando il fallimento dei suoi amici di cordata, anche se il nuovo Messia, privo di esperienza amministrativa, cerca di superare gli ostacoli con una lista trasversale con pezzi di centrosinistra, pezzi di centro, ma anche pezzi di centrodestra; chissà se per completare il mosaico gli manca ancora ……qualch’altro pezzo?

 

Non vorrei che i prossimi cinque anni siano all’insegna di un altro apprendista della politica e dell’amministrazione, dedito ad imparare e forse essere guidato da forze esterne, in quanto Vitorchiano ha bisogno di persone qualificate ed esperte capaci di risollevare il paese da un periodo completamente buio.
Se il nuovo candidato sindaco di “Insieme per Vitorchiano” già fosse stato all’altezza dei propri compiti, da fiduciario della preside, si sarebbe accorto che nell’edificio scolastico esiste una scala d’emergenza costruita contro una parete priva di porta, quindi inagibile; che un terrazzo della scuola primaria non è praticabile da oltre tre anni, il tutto senza interferire verso gli attuali amministratori che sono della sua stessa cordata.

 

Ma quel che è più preoccupante, che se fosse eletto sindaco, potrebbero sorgere numerosi conflitti d’interessi, per quelle sue parentele che ha con costruttori e proprietari terrieri del posto, forse interessati ad un’ulteriore espansione edilizia.

 

Vitorchiano ha bisogno di uno sviluppo controllato per non dar profitto ai pochi, ma affrontare le esigenze dell’intera collettività, sgravandola soprattutto da quella forte pressione delle tasse, voluta sempre dall’amministrazione Olivieri.

 

Per concludere qualcuno ringrazia Grassotti, per aver dato la parola d’ordine “Rinnovamento” con la quale si presenta l’ex sindaco Ciancolini, con il quale il io e il collega Fabbri abbiamo ritenuto opportuno fare un accordo elettorale e di programma per non disperdere forze a favore di quell'”Insieme per Vitorchiano” che ha governato il paese in questi ultimi cinque anni in maniera a dir poco deprimente.

 

Vorrei aggiungere ai delatori personali che tale decisione è scaturita nella convinzione di gruppo senza interferenze esterne, come invece esistono nelle altre liste. Inoltre mi auguro che la prossima campagna elettorale fosse imperniata sui programmi e sulla realizzazione degli stessi e non su becere idealizzazioni personali che non portano e nessun risultato positivo”.

 

Raffaele D’Orazi

Commenta con il tuo account Facebook
Share.