«L’immagine della senatrice Liliana Segre, il 27 Gennaio, giornata della memoria, sarà inserita nella sede istituzionale del Comune di Canino, per non dimenticare.

Il  titolo di cittadina onoraria – comunica il sindaco di Canino Lina Novelli – le è stato conferito su proposta di deliberazione consiliare del sindaco Lina Novelli il 29 novembre 2019 ed approvata ad unanimità dei presenti.

Le premesse nel documento ricordano tra l’altro: l’incompatibilità del razzismo e della xenofobia ed ogni loro forma di manifestazione con i valori e le regole di cui si fonda l’ Unione europea; il riconoscimento del Parlamento e del consiglio Europeo nella lotta contro ogni forma di razzismo e xenofobia per i quali il ricorso è al diritto penale; la legge 149 del giugno 2016 come risposta significativa ad un pericolo particolarmente grave ed un’indicazione per ulteriori azioni legislative.

In particolare, attraverso il consiglio comunale di Canino si rinnova il sostegno alla Commissione monocamerale in tema di hate speech, che dovrà avere compiti di conservazione, studio, iniziativa per l’indirizzo ed il controllo sui fenomeni di intolleranza, razzismo antisemitismo ed istigazione all’odio ed alla violenza.

La cittadinanza onoraria del Comune di Canino alla senatrice Liliana Segre, attivista e politica italiana, superstite dell’Olocausto e attiva testimone della Shoah,vuole essere valida testimonianza per le nuove generazioni che nella giornata internazionale, come designata dall’assemblea generale delle nazioni unite, possano trovare autentici stimoli di formazione sociale e culturale.

Accanto all’immagine della senatrice seguirà un passo della lettera che scrisse a tutti gli studenti delle scuole italiane. ”Un Paese che ignora il proprio ieri non può avere un domani. La memoria è un bene prezioso e doveroso da coltivare. Sta a noi a farlo. A che serve la memoria? A difendere la democrazia”».