VITERBO – “Il Tribunale per il riesame di Roma riunitosi all’udienza del 23 maggio 2018 ha rigettato il ricorso presentato dai legali dei due imprenditori nei confronti dei quali è stata eseguita la misura cautelare in carcere in data 04 maggio u.s.. Si è in attesa del deposito delle relative motivazioni.

I due soggetti, cui sono stati contestati reati di detenzione e spaccio di rilevanti quantità di sostanza stupefacente (marijuana, hashish e cocaina) rimangono, pertanto, ristretti presso la Casa Circondariale di Viterbo a disposizione della locale Procura della Repubblica.

Le indagini delegate alla Squadra Mobile di Viterbo ed al personale della Sezione di P.G. presso la Procura della Repubblica proseguono”.

Dott. Franco Pacifici
Procuratore della Repubblica F.F.
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email