VITERBO – In concomitanza con la tradizionale mobilitazione turistica di persone e mezzi collegata alla ricorrenza del Ferragosto e tenuto conto delle criticità sotto il profilo della sicurezza, emerse nello scenario internazionale in relazione ai recenti attentati terroristici, la Questura di Viterbo ha predisposto ed eseguito nel periodo a cavallo della citata festività un piano di controllo straordinario del territorio esteso anche nella provincia di Viterbo con il coinvolgimento , coordinato, delle articolazioni interne e delle altre Forze di Polizia.

Oltre al potenziamento dei consueti controlli di prevenzione, sono stati attuati controlli di sicurezza straordinari estesi ai luoghi ad alta frequentazione e transito di turisti quali litorale marittimo, stazioni ferroviarie , terminal di autolinee extraurbane e ai tradizionali luoghi di aggregazione quali parchi e giardini pubblico .

Nel corso di tali verifiche , eseguite dalla Digos , con il coinvolgimento, del Commissariato di Tarquinia e dei Posti di Polizia Ferroviaria di Viterbo ed Orte , sono stati identificati numerosi cittadini extracomunitari al fine di verificarne provenienza, regolarità dei documenti d’identità e delle posizioni di soggiorno sul territorio nazionale.

Nei confronti di cinque cittadini extracomunitari, per i quali sono emerse irregolarità nella documentazione , sono stati avviati i dovuti approfondimenti da parte dell’Ufficio Immigrazione al fine di valutare l’eventuale adozione di provvedimenti amministrativi. Sono stati inoltre eseguiti numerosi controlli in esercizi commerciali a potenziale rischio di irregolarità con il coinvolgimento della Sezione Polizia Postale di Viterbo e della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale in relazione alla verifica della previste autorizzazioni.

In occasione delle verifiche effettuate il 17 agosto u.s. nel Comune di Orte Scalo , in due esercizi commerciali gestiti da cittadini stranieri, è stata rilevata e contestata la violazione dell’osservanza dell’ordinanza di chiusura anticipata emessa dal Sindaco in relazione a problematiche di ordine pubblico emerse nella gestione del locale. Entrambi i titolari della licenza sono stati denunciati per la violazione di cui all’art. 650 C.P., con contestuale comunicazione al Sindaco per le valutazioni sulla sospensione della licenza.

Sempre ad Orte , nei confronti di due cittadini egiziani che prima di Ferragosto si erano resi protagonisti , insieme ad un marocchino , di una violenta rissa avvenuta in pieno giorno in Corso Garibaldi , con il conseguente arresto dei tre eseguito da militari della Stazione Carabinieri di Orte, è stata emessa la misura di prevenzione dell’ Avviso Orale del Questore mentre per il marocchino, non in regola con le norme sul soggiorno sono state avviate le procedure finalizzate alla sua espulsione dal T.N.

Le vicende di Orte erano state tra l’altro argomento del Comitato Provinciale per l’Ordine e Sicurezza tenuto il 17 agosto u.s. presso la Prefettura di Viterbo nel corso del quale, pur non emergendo particolari criticità nella situazione complessiva dell’ordine pubblica era stata valutata l’ opportunità di intensificare i servizi di prevenzione e controllo sul territorio già in atto.

Proseguirà l’attività di prevenzione pianificata dal Questore di Viterbo in modo sempre più incisivo e diffuso che sarà finalizzata, oltre che a garantire nell’arco delle 24 ore un continuo e approfondito controllo del territorio, anche a fronteggiare e prevenire adeguatamente ogni illegalità.

Commenta con il tuo account Facebook