BOMARZO – “I nostri amici della minoranza, come sono soliti fare e non avendo altro da fare, si cimentano in esercizi da funambolo pur di raccattare qualche “mi piace” sui social annotandolo, ahi loro, come voto a favore.
La precedente Amministrazione che loro hanno, volenti o nolenti, sostenuto, ha lasciato una serie infinita di “opere incompiute”, certosinamente annotate in attesa di insabbiarle se avessero vinto le elezioni o sbandierarle ai quattro venti, come stanno facendo ora, contro chi ha avuto l’ardire di usurpare un loro diritto acquisito per usucapione.

Quelle foto che continuano ostinatamente a pubblicare sul degrado del Palazzo Orsini, oltre che datate, sono lo specchio della loro perspicace visione di sviluppo del nostro paese. Si riferiscono, per lo più, alla famigerata foresteria, un “capolavoro” che hanno lasciato abbandonato, di alcune stanze sottotetto arredate di tutto punto, in attesa di ipotetici visitatori che avessero avuto intenzione di pernottare a Bomarzo. Peccato che, oltre ai vincoli imposti dalla Sovrintendenza, l’intera struttura è inagibile in quanto carente di norme basilari come una uscita di sicurezza, insomma, l’ennesima presa in giro… Le cartacce sono i resti immediatamente successivi ad una manifestazione fotografati prima dell’intervento degli addetti alle pulizie. Comunque, a dispetto del “sindaco temporeggiatore” che a suo tempo non è riuscito ad imbastire uno straccio di accordo per lo sviluppo turistico del Palazzo, questa amministrazione è riuscita a mettere a disposizione un Palazzo Orsini che ha visto oltre 5000 visitatori che hanno lasciato commenti e suggerimenti davvero lusinghieri. Bomarzo è stato inserito nei 1000 borghi italiani per l’anno 2017 da visitare e scoprire, iniziativa realizzata su scala nazionale nell’ambito dei progetti interregionali di sviluppo turistico a cura del MiBACT, dell’ENIT e l’azione di 18 regioni; dobbiamo registrare i complimenti di una delegazione del FAI (Fondo Ambiente Italiano) che hanno giudicato eccellente la tenuta e la gestione del Palazzo. Ritornando alle foto pubblicate annotiamo che, quanto mostrato rientra nelle piccole opere ordinarie che, soprattutto in una struttura di grandi dimensioni e soggetta a vincoli stringenti che lasciano poco all’iniziativa privata, rivestono un’importanza relativa e, oltre tutto, non si sono formate oggi. Per la Torre di Mugnano in Teverina beh!, I nostri amici hanno iniziato un’opera di ristrutturazione che nessuno sa dire quali sono i risultati. Dopo un periodo di stallo, questa amministrazione ha dato il via all’approntamento di una variante per la ripresa di quei lavori che non si sono mai conclusi.

Cari amici della minoranza, forse non riusciremo a mettere in moto tutte le P del nostro programma elettorale ma per l’intanto il Palazzo si è avviato, maggiori contatti col Parco dei Mostri stanno dando frutti e anche le prime attività commerciali si affacciano e annusano la possibilità di sviluppi futuri. Si stanno muovendo realtà locali, su spinta propositiva del Comune, per la gestione del Patrimonio (un’altra P) locale ovvero Piramide, Pontone Martino e tanti altri siti archeologici e Paesaggistici riscoperti o ripristinati e questa sicuramente diventerà una reale opportunità lavorativa per i nostri ragazzi. Nessuno è dotato di bacchetta magica ma con pazienza e perseveranza si raggiungo ottimi risultati anche con poche risorse. C’è un degrado morale molto peggio di quello ambientale e questo lo state dimostrando giorno per giorno con le vostre rimostranze mentendo sapendo di mentire facendo affiorare oggi quanto c’era di inattuato nel passato. Alla prossima”.

Lista Verso il Futuro

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email