L’albero è il più grande successo della Natura, e ti viene voglia di gridarlo dopo che hai visitato l’Orto Botanico di Viterbo. A me – scrive Maurizio Di Giovancarlo – è successo conoscendo questo luogo unico a due passi dalla città dove trovi delle importanti collezioni di piante divise per aree geografiche mondiali.

Si parte da chimerico palmeto  che diventa una installazione di arte moderna per passare ad un mistico deserto che ti accoglie nella sua parte più selvaggia per terminare nella giungla umida e appiccicosa. Mancano ancora i colori delle farfalle, dei tantissimi fiori e delle rose che in questo racconto invernale non fanno da cornice a questo suggestivo luogo tutto da scoprire e visitare il prima possibile, ve lo consiglio.

Per una vera una piacevole rivelazione, anche d’inverno, scaturita dalla conoscenza dell’Architetto Giorgio Pulselli e la della Dott.ssa Monica Fonck, Curatrice dell’Orto Botanico, che mi ha ospitato e dato modo di realizzare un racconto fotografico.