Tre dipartimenti DEIM (Dipartimento di Economia, Ingegneria e Impresa), DISTU (Dipartimenti di Studi Linguistico-Letterari, Storico-Filosofici e Giuridici) e DISUCOM (Dipartimento di Scienze Umanistiche della Comunicazione e del Turismo) sono stati coinvolti per trattare il tema “Robot, energie alternative e big data. Innovazione diritto e cultura all’inizio del XIX secolo”.

L’appuntamento, di notevole rilievo scientifico, è per il 5 novembre prossimo all’aula magna del rettorato dell’Università della Tuscia.

Dopo il saluto del rettore Alessandro Ruggieri e la relazione del professor Edoardo Chiti si apriranno i lavori presieduti dalla professoressa Maddalena Vallozza.

Alle 10,30 : “Robotica e intelligenza artificiale. Dalla terza alla quarta rivoluzione industriale” questo il primo argomento del quale parleranno Stefano Rossi, Francesco Donini (UNITUS) e Fabio Pacini (Scuola Superiore S.Anna di Pisa). Poi “Sistemi energetici alternativi, infrastrutture e rapporto con il contesto ambientale e sociale”.

Presiede e introduce i lavori Stefano Ubertini. Relazioni di Giuseppe Calabrò, Luigi Di Gregorio e Luigi Principato, dell’Università degli studi della Tuscia. Nel pomeriggio si parlerà di “Big data tra opportunità e rischi”. Presiede e introduce i lavori Giovanni Fiorentino. Relazioni di Alessio Maria Braccini, Mario Pireddu, e Alessandro Sterpa dell’ Università degli studi della Tuscia quindi la relazione conclusiva Maria Chiara Carrozza della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email