VITERBO – E’ stata presentata presso la sala consiliare del Comune di Viterbo la nona edizione del Tuscia Operafestival, in programma dal 10 luglio al 17 agosto a Viterbo e in alcuni centri della provincia ( Soriano nel Cimino, Tarquinia e Civitella d’Agliano). Direttore artistico il maestro Stefano Vignati. Presenti alla conferenza stampa, tra gli altri, l’assessore alla cultura del Comune di Viterbo Antonio Delli Iaconi, il consigliere provinciale Eugenio Stelliferi e il presidente di Unindustria Viterbo Domenico Merlani, oltre all’attrice Melania Fiore che sarà ospite a Viterbo nella serata dell’11 luglio.

 

Un ricco e intenso programma fatto non soltanto di opera e concerti sinfonici, che comunque costituiscono l’ossatura portante del cartellone, ma anche di musica d’altro genere, recital letterari e persino un appuntamento di attualità e giornalismo. Grazie alle rafforzate relazioni internazionali del Tuscia Operafestival con Cina e Stati Uniti, nello specifico con l’International Lyric Academy e la Wuhan Philharmonic Orchestra, questa edizione vedrà la presenza di un’orchestra di oltre 60 elementi. Location principale del festival sarà Piazza San Lorenzo a Viterbo, ma diverse date andranno in scena nel cortile di Palazzo dei Priori e un evento nella chiesa di Santa Maria della Verità. A Soriano gli scenari saranno il Castello Orsini e il Duomo di San Nicola e infine la Chiesa di S. Maria in castello di Tarquinia e la Torre Monaldeschi a Civitella d’Agliano.

 

Scorrendo i circa 30 appuntamenti del Tuscia Operafestival – che saranno poi integrati dalle date del Festival Barocco a partire dal 7 agosto – spiccano alcuni nomi di primo piano del panorama musicale e culturale italiano: i soprani Maria Angela Spotorno, Leyla Martinucci e Renata Lamanda, lo scrittore Valerio Massimo Manfredi, gli attori Melania Fiore, Sebastiano Somma e Silvia Bilotti, il gruppo australiano Mara! Music e il giornalista Sandro Ruotolo, che il 23 luglio a Piazza San Lorenzo intervisterà Antonio Mancini, noto come “l’Accattone” della Banda della Magliana e autore del recente libro “Con il sangue agli occhi”.

 

Il Tuscia Operafestival aprirà dal 10 al 12 luglio al cortile di Palazzo dei Priori con tre serate in collaborazione con l’Ordine degli Psicologi del Lazio, dal titolo “Tutti insieme appassionata… mente”, in cui, tra intermezzi teatrali e musicali, si parlerà di famiglia, alimentazione, crescita, relazioni. L’inaugurazione ufficiale avverrà a Piazza San Lorenzo il 19 luglio con il grande concerto sinfonico diretto da Stefano Vignati, con la Wuhan Philharmonic Orchestra, l’Orchestra Sinfonica del Tuscia Operafestival e il soprano Maria Angela Spotorno; le stesse formazioni, ma con soprano Leyla Martinucci e direttore James Peng Liu, si ripeteranno il 25. Il Mara! Music, direttamente da Sydney, si esibirà il 26 luglio, mentre a Soriano il 31 luglio e 1 agosto Stefano Vignati, con la regia di Lev Pugliese, dirigerà “Così fan tutte” di Mozart, ch e sarà poi proposto a Viterbo il 2 agosto in forma ci concerto. Valerio Massimo Manfredi, con Sebastiano Somma e Silvia Bilotti, saranno sul palco di Piazza San Lorenzo l’8 agosto con “Il mio nome è nessuno”. Conclusione il 16 agosto a Soriano e il 17 a Tarquinia con un concerto lirico-sinfonico.

 

Numerosi i concerti che vedranno esibirsi i giovani allievi dell’International Lyric Academy, a riprova dell’importanza dell’aspetto formativo su cui punta fortemente lo staff organizzativo del Tuscia Operafestival.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email