Nel Consiglio Comunale del 29 giugno il presidente di commissione Servizi Sociale Consigliere Comunale Federico Ricci ha esposto le necessarie modifiche al Regolamento di gestione dell’asilo nido comunale.
Un intervento indispensabile per accedere ai contributi regionali previsti annualmente: alla luce delle più recenti normative emanate in materia dalla Regione Lazio, infatti, l’adozione dei criteri per la definizione delle tariffe dei servizi socio educativi a offerta pubblica secondo i parametri a fascia ISEE e retta massima, è prevista dal Programma regionale tra le condizioni di ammissibilità alla ripartizione delle risorse economiche.
L’Assessore ai Servizi Sociali Dott. Alberto Riglietti ribadisce: “L’omogeneità della compartecipazione da parte delle famiglie ed il progressivo azzeramento della retta per gli utenti in situazione di particolare vulnerabilità e adeguamento delle rette in base all’ISEE sono passaggi essenziali per impostare una più attuale politica sociale sui servizi per la prima infanzia.
Tra i punti cardine l’azzeramento totale della retta per i redditi più bassi e il progressivo incremento in base al reddito. Un provvedimento che comunque porta la maggior parte delle famiglie a pagare una retta inferiore agli anni passati in cui pagavano 280 euro mensili. Di seguito riportate le nuove tabelle:
ISEE. RETTA
fino a 5000 0 euro
fino a 10000 50 euro
fino a 15000. 100 euro
fino a 20000 150 euro
fino a 25000 200 euro
fino a 30000 250 euro
fino a 35000 300 euro
fino a 40000 350 euro
fino a 50000 400 euro
oltre 50000 500 euro.
Si tratta di aliquote massime da applicare”.

Articolo precedenteParco di Villa Altieri, l’emergenza climatica è qui
Articolo successivoCivita Castellana, approvata delibera per la gestione dei tre impianti sportivi comunali