MONTEFIASCONE – Grande successo di atleti e di pubblico per la Coppa Italia A.M.I. (Arti Marziali Italia) svoltasi a Montefiascone il 29 marzo. Già dalle 8.30 del mattino, il palazzetto dello sport cominciava a riempirsi di atleti che si preparavano per la gara della giornata. Terminate le procedure di rito (controllo del peso e dei tesseramenti), l’area di gara era pronta ad accogliere le oltre 30 società che si presentavano per il saluto iniziale.

 

Ha preso la parola il presidente Silvio Matelicani e, dopo i ringraziamenti di rito e la consegna della targa per il memorial Giuliani, la competizione è iniziata con i piccolini del kung fu e del sanda, con esibizioni e combattimenti. La continuità alla gara è stata garantita dalla collaborazione di medico e personale paramedico dell’associazione Solidarietà Falisca, che si sono messi a disposizione per ogni intervento, che per fortuna non ha messo mai a repentaglio la manifestazione. Il proseguimento della manifestazione si è svolto in totale sintonia con i tempi e le procedure: sia le premiazioni che le esibizioni di una scuola di kung fu che, con una spettacolare danza del drago e una dei leoni ha dato una nota di ulteriore colore alle già sgargianti divise degli atleti, sia la dimostrazione di una squadra di krav maga (metodo di combattimento israeliano).

 

Durante la pausa pranzo ci sono state le gare di tai chi chuan, che con i loro movimenti lenti ed armoniosi che hanno incantato la platea. Dalle 14 in poi tutto è proseguito con la massima regolarità e precisione. L’assessore allo sport Nando Fumagalli ha presenziato alla manifestazione premiando alcune categorie, Silvio Matelicani, Carlo Blengio e Daniele Bartoli, i tre dirigenti A.M.I., si sono premuniti di premiare e risolvere i piccoli problemi che di volta in volta si presentavano, il gruppo arbitrale vigilava sul buon andamento di tutte le competizioni e i presidenti delle varie societàsi preoccupavano di riunire le squadre e di attivarle per i combattimenti e le esibizioni che si susseguivano mano a mano. A completamento della serata anche alcuni combattimenti di MMA (arti marziali miste) si sono succeduti sull’area di gara dove si erano appena concluse le forme di kung fu, facendo terminare la gara poco prima delle 19. Le oltre 160 esibizioni, i circa 45 combattimenti e le varie esibizioni si sono concluse con la premiazione della Coppa Italia, il trofeo che quest’anno è stato vinto, per il kung fu, dalla società “K mantis”, sia per il maggior numero di atleti in gara che per il miglior punteggio. Per quanto riguarda il sanda, invece, la scuola “Pegasus” si è aggiudicata la coppa per il miglior punteggio e il maestro Piretti con la “Ramise” quella per il maggior numero di partecipanti. Come sempre, con i dovuti ringraziamenti a tutte le società, si è conclusa la quarta edizione della Coppa Italia A.M.I.

 

Commenta con il tuo account Facebook