«A seguito della conferenza agli italiani di domenica sera da parte del presidente Conte, abbiamo avuto conferma della riapertura della produzione manifatturiera dell’industria nautica che ci era stata anticipata nei giorni scorsi.
Per i cantieri di manutenzione e riparazione, che sono la stragrande maggioranza, – sottolinea Stefano Signori, Presidente provinciale Assonautica Viterbo – non ci sono novità. Rimangono perciò invariate le note verso le attività rientranti nei codici Ateco previsti dai dispositivi ministeriali relativi al Covid19, che possono continuare a lavorare.
Relativamente alla possibilità di effettuare le manutenzioni alle proprie barche per i diportisti non ci sono al momento aperture, tranne che nel Lazio, dove una disposizione chiarissima del presidente Nicola Zingaretti, permette tali attività.
Ringraziamo l’amministrazione regionale per aver preso in considerazione le lettere inviate, che chiedevano di sbloccare questa attività hobbistica ma di grande ricaduta lavorativa, seguite da attività indirette, descritte e richieste in una precedente missiva».