Eleonora Liani emozionata per il prestigioso riconoscimento ringrazia la scuola, i professori ed i compagni di classe e racconta  la sua esperienza al Quirinale.

“È stata un’esperienza indimenticabile e sono ancora emozionata – dichiara Eleonora Liani – certamente non si è abituati ad affrontare una situazione simile . Entrare al Quirinale e stringere la mano al Presidente Mattarella è stato veramente incredibile. Quando poi mi ha parlato complimentandosi personalmente credetemi l’emozione è stata  grandissima” .

“È stato interessante anche confrontarsi con gli altri ragazzi provenienti da tutta Italia, tra noi c’è stata un’immediata sintonia, poiché condividiamo molte delle passioni anche se le aspirazioni degli studi da intraprendere sono diverse. Voglio però ringraziare oggi tutti i professori, che mi hanno sempre sostenuto e preparato . Un grazie particolare alla prof.ssa Maria Rita Giorgolo che ha seguito con pazienza e determinazione anche l’iter che poi mi ha fatto acquisire il titolo di “Alfiere del Lavoro”.

Ringrazio i miei carissimi compagni di classe del liceo classico di Tarquinia con i quali ho condiviso tanto . Non dimenticherò la mia scuola perché ha contraddistinto un periodo importante e formativo per la mia vita . Adesso però sono anche emozionata per la nuova esperienza, il mondo universitario mi entusiasma ed ho grandi prospettive ed obiettivi per il futuro . Ho scelto Bioinformatics all’Università degli Studi La  Sapienza di Roma. L’ho scelta perché la ritengo un’ottima università a livello mondiale e non troppo lontano da casa, la qualcosa mi permette di limitare un po’ le spese per la mia famiglia. Mi è piaciuto di questo dipartimento il mix tra biologia ed informatica.

Il mio sogno entrare nel mondo della ricerca scientifica e contribuire magari, all’innovazione e allo sviluppo di nuove cure possibilmente. Agli studenti che iniziano il percorso liceale consiglio di cercare di avere in mente un obiettivo definito di essere  costanti nello studio e il più possibile organizzati . Tutto ciò non significa privarsi di uscire con gli amici ma è importante anche il dovere”. Entusiasta anche la prof. di scienze Maria Rita Giorgolo che ha seguito l’iter per segnalare Eleonora come possibile Alfiere del Lavoro: “Dal  1999 segnaliamo questi ragazzi eccellenti e sono veramente felice che Eleonora sia stata nominata Alfiere del lavoro perché è stata sempre ineccepibile nello studio dimostrando un impegno continuativo ed una grande determinazione a raggiungere gli obiettivi . Sono veramente felice per lei. È un’eccellenza perché fin dalla scuola media inferiore ha avuto sempre il massimo dei voti . Quindi la nostra scuola è onorata di averla avuta come studentessa . Il merito però , va sottolineato, è soprattutto di Eleonora”.

Anche la Dirigente scolastica Laura Piroli si congratula con Eleonora per i risultati raggiunti: “Come dirigente scolastico – riferisce – quando i miei studenti raggiungono brillanti risultati il mio cuore si riempie di gioia, perché significa che la nostra scuola sta formando e bene i cittadini ed i professionisti che opereranno nella società. Sono felice per Eleonora e per i suoi straordinari risultati, ma soprattutto per le soddisfazioni che ha incontrato durante il suo percorso, perché è il modo in cui si costruisce un percorso che aiuta a fare chiarezza su dove si vuole arrivare.”.

Articolo precedenteCena della bontà, sabato appuntamento alla Parrocchia della Sacra Famiglia
Articolo successivoEcosantagata Civita Castellana, domani esordio casalingo contro il Villadoro