Saremo in molti a sentire il vuoto che lascia Teresa, la donna forte, generosa, impegnata fino all’ultimo istante di vita.

Sarà la città – scrivono da Lavoro e Beni Comuni – a sentire la sua assenza, quella stessa città che è testimone dei doni che lei ha lasciato: la lotta per la salvaguardia dell’Arcionello, il progetto della fattoria di Alice e le mille battaglie da lei condotte per l’affermazione dei diritti e per la tutela del territorio, la sua poesia.

Ci mancherai Teresa, ma quel senso di responsabilità profonda per il sociale e quell’entusiasmo per la vita che ci hai lasciato è l’eredità più grande, per questo il tuo ricordo sarà per noi un pensiero felice.