Acquapendente, “La Città a Cuore” critica la giunta

0

 

ACQUAPENDENTE – I consiglieri della lista civica di minoranza “La Città a cuore” offrono ai cittadini aquesiani nella mattinata di Lunedì una analisi dell’ultimo Consiglio Comunale: “ La Giunta Comunale”, sottolineano, “ non si smentisce neanche questa volta per la leggerezza e il poco approfondimento degli argomenti che porta in discussione di fronte al Consiglio Comunale.

Alle nostre domande troppo spesso si risponde “forse” e “dovrebbe” e d’altro canto sembra che noi siamo i soli ad avere delle domande da fare. Raramente ci dicono anche che abbiamo ragione, salvo poi smentirsi al momento del voto.

Il consiglio tenutosi in data 29 settembre è stato indetto con questi punti all’ordine del giorno:
– Variazioni di bilancio, non entriamo nei dettagli tecnici, se non per quanto riguarda la proposta di acquisto di due nuovi parcometri per la spesa di oltre 14.000 euro. Acquisto a cui abbiamo dato il nostro voto contrario visto che la sostituzione dei parcometri attuali è indicata nella legge di stabilità del 2016, comma 901, di cui non esistono ancora i decreti attuativi (che stabiliranno le caratteristiche previste per i nuovi parcometri). Questo ci suggerisce di avere prudenza nell’acquisto di tali macchinari. Secondo il Sindaco questi indicati “probabilmente vanno bene”, secondo noi non si spendono i soldi sulle probabilità, mica stiamo giocando a Monopoli, e soprattutto, non è che se i parcometri non sono a norma possiamo sostituirne uno sì e uno no! La maggioranza approva la spesa.

1) Variazione del regolamento del Consiglio e delle Commissioni Consigliari, che si sono dimenticati, in parte, di inserire nell’ordine del giorno. Le Commissioni Consigliari da regolamento, sono aperte al pubblico, la variazione prevede che verranno tenute a porte chiuse in caso di particolari condizioni. Abbiamo votato contro non fosse altro perché non ci è stato dato modo di analizzare la questione prima della seduta ma soprattutto viste le minacce del Sindaco che afferma “prenderà provvedimenti” se continuiamo a diffondere voci in giro con “chiacchiericcio da bar” su quanto avviene nelle commissioni “pubbliche”. Ribadiamo che, in particolar modo su temi di interesse generale come quello dei parcheggi o degli impianti sportivi, che il Sindaco erroneamente inquadra come “questioni di interesse privato”, abbiamo l’obbligo ed il dovere di informare i cittadini soprattutto se questi ci pongono domande.

2) Progetto “Aiuto compiti”, voto di astensione da parte nostra, non perché contrari al progetto in se ma per il pressappochismo con cui è stato presentato: non abbiamo potuto visionare una scheda economica. A nostro avviso, per soli due mesi e mezzo di sperimentazione, il costo previsto non è sostenibile nel tempo ed il progetto è quindi destinato a vita breve. Il contributo con cui in parte verrà finanziato è quello stanziato dalla Regione, destinato, in primo luogo, ai bambini svantaggiati e/o con difficolta d’apprendimento. La domanda è: il progetto è frutto di un’analisi sui reali bisogni dell’utenza, e ne rappresenta la soluzione più congrua? Il problema andrebbe visto in un’ottica complessiva, di integrazione dei servizi, valutando la possibilità di inserire questa attività nei Piani di zona ma soprattutto cercando una copertura finanziaria a monte. Rischiamo di confondere un progetto di sostegno al disagio con un servizio di babysitting: se la necessità delle famiglie è questa dovremmo cercare una soluzione meno onerosa per il Comune e promuovere con la Dirigenza scolastica il tempo pieno, o altre attività, anche perché un progetto della durata di due mesi non crediamo serva a nessuno, se non a chi ne derivano delle entrate. La maggioranza approva la spesa.

– Cambio destinazione d’uso del Fosso dell’Asinara (già bocciato in passato dalla Regione per il vincolo d’interesse fluviale e il vincolo ambientale che “sembra”, dicono loro, sia stato tolto). Il nostro voto è contrario: abbiamo a Campo Morino una superfice dedicata a zona artigiana e commerciale sfruttata solo in parte e non riteniamo, in una Città come la nostra, necessario altro terreno volto a questo uso. Uso che sicuramente sarà propedeutico per nuove attività commerciali, apportando ulteriore cementificazione al suolo cittadino e aumentando lo squilibrio già esistente tra grandi superfici commerciali e piccole attività nel centro storico. Abbiamo fatto notare come sarebbe più opportuno predisporre una volta per tutte una zonizzazione per le attività che sia di utilità per queste e non veda proliferare l’intreccio tra zone ad uso abitativo e artigiane/industriali. Evitiamo di commentare il parere del Sindaco sullo svuotamento del centro storico perché è svilente anche solo ripeterne le parole. Ma la sorpresa è che le nostre obiezioni sono state favorevolmente accolte da maggioranza e minoranza salvo poi che la maggioranza ha votato comunque a favore.

Per il resto
– Abbiamo approvato il Regolamento comunale sulla gestione degli impianti sportivi a cui abbiamo chiesto di apportare delle modifiche che sono state accolte, ma che resta al momento fine a se stesso, visto che la convenzione in essere è stata fatta prima dell’entrata in vigore e pertanto non ne subisce l’influenza.
– Abbiamo approvato un documento politico che conferma il no alla Geotermia, senza entrare nei dettagli tecnici e scientifici del progetto, da inviare come sollecito al Ministero interessato.
– Aderito ad un progetto denominato “No alla pena di morte” senza oneri per il Comune.
Ma il bello arriva ora: comunicazioni del Sindaco.

Il Sindaco fa divieto di rilasciare dichiarazioni su Ospedale, Casa di riposo e richiedenti asilo che possano creare allarmismo nella popolazione e lo fa anche con tono arrogante e utilizzando frasi intimidatorie che preferiamo non ripetere. Gli hanno spiegato che un Comune non è un azienda e che i cittadini non sono suoi dipendenti? State tranquilli a noi il monito non fa paura, anzi un po’ ci fa sorridere (un sorriso amaro si sa) e pertanto a breve vi aggiorneremo anche su Ospedale (proprio questa mattina abbiamo protocollato in Comune una relazione dettagliata sull’argomento), Casa di Riposo, richiedenti asilo, oltre che sulla gestione degli impianti sportivi, il problema della riqualificazione del centro storico e il problema della raccolta differenziata dei rifiuti”.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.