“I Vini del Barbarossa”: Ferragosto enogastronomico ad Acquapendente

0

 

ACQUAPENDENTE – Ferragosto ad Acquapendente nel segno del vino. Dal 13 al 15 agosto 2016 a partire dalle ore 19 torna nella cittadina dell’alta Tuscia la manifestazione “I Vini del Barbarossa”, contraddistinta dalla presenza di cantine provenienti da tutta Italia e vini in degustazione lungo un percorso enogastronomico e culturale che si snoda nelle vie e piazze del centro storico aquesiano. Show cooking, degustazioni guidate, musica dal vivo, mostre d’arte, street food, banchi d’assaggio, corsi di cucina, vini caserecci sono solo alcune delle iniziative in programma nella tre giorni ferragostana di Acquapendente.

Il nome dell’evento richiama le vicende storiche medioevali, risalenti al 1166, che videro la città di Acquapendente opposta all’imperatore Federico I Barbarossa. Secondo la tradizione, la ribellione aquesiana comportò la distruzione di un antico castello del Barbarossa edificato nella parte più alta della città e in cui abitava il suo governatore Guelfo VI, di cui rimarrebbe come testimonianza l’attuale torre. Sempre a questi fatti è ascrivibile il miracolo della Madonna del Fiore che ha dato origine alla festa dei Pugnaloni, i celebri mosaici di fiori e foglie per cui Acquapendente è nota.

Il vino diventa così la traccia con cui segnare il passaggio del Barbarossa per scoprire o conoscere meglio luoghi ricchi di arte, di leggende sedimentate nella memoria, di episodi scritti sul territorio. Un percorso simbolico per rivivere in maniera nuova gli avvenimenti salienti della storia, come spunto per la diffusione di una cultura del bere consapevole.

“I Vini del Barbarossa” è un evento inserito nel programma delle Feste del Vino della Tuscia coordinato dalla Camera di Commercio di Viterbo ed è promosso e sostenuto da Comune e Pro Loco di Acquapendente, Riserva Naturale di Monte Rufeno e Provincia di Viterbo.

Per ulteriori informazioni è attiva la pagina Facebook “I Vini del Barbarossa”.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.