“Acchiappa parcheggio”, il nuovo gioco che fa imbufalire turisti e viterbesi

0

VITERBO – Si tratta di un altro importante passo in avanti per spendere inutilmente soldi pubblici: stiamo parlando della fantasmagorica razionalizzazione degli inesistenti parcheggi a servizio di tutti gli automobilisti, viterbesi e non, uscita fuori dal cappello magico dell’assessore al ramo. Sabato ne abbiamo avuta la riprova: alcuni turisti, infatti, si sono detti imbufaliti perché i fantastici cartelloni (chiederemo poi in Comune ditta aggiudicatrice e termini della gara di appalto) affermavano che al Sacrario erano disponibili ben 200 posti auto.

 

I poveretti, in gruppo con sei autovetture (24 persone provenienti dal Nord), sono riusciti ad arrivare a Piazza del Sacrario ma di posti auto disponibili neanche l’ombra, solo tante bancarelle da un lato ed una recinzione rossa dall’altro.

 

Foto G de Zanet Le scemenze di Ricci assessore al nulla (2)

 

Essendo carnevale hanno forse pensato ad uno scherzo e, tramite indicazione di qualche passante, si sono recati a Piazza della Rocca dove i segnalatori davano spazio di parcheggio. Neanche lì parcheggi liberi. I malcapitati turisti non sapevano che l’ Amministrazione Comunale viterbese ha instaurato un giochino sulle arterie principali della città denominato “acchiappa” parcheggio”. Loro danno un numero e poi scatta la gara a chi arriva primo. Ma non sanno che nel mentre, da altre strade, qualche automobilista ha già preso il posto segnalato. Non sappiamo se chi di competenza sia stato influenzato nel decidere un simile sperpero di denaro e saremmo lieti di saperne gli importi.

 

Foto G de Zanet Le scemenze di Ricci assessore al nulla (4)

 

Secondo l’amministrazione la principale preoccupazione dell’automobilista che si reca in città e si avventura per le strade dei centri urbani, per ragioni di lavoro o durante il proprio tempo libero, è la ricerca del parcheggio.

 

E a Viterbo una ditta Xy ha sviluppato una soluzione concreta per risolvere tale problema, denominata “acchiappa parcheggio”: il nuovo sistema di indirizzamento ai parcheggi realizzato attraverso software e hardware di ultima generazione, con l’obiettivo di informare l’utenza in cerca di posti auto e di ridurre i tempi della ricerca, soprattutto quella casuale, di un’area di sosta. Il sistema di indirizzamento parcheggi è costituito da una rete di pannelli a messaggio variabile posizionati in vari punti della città, sia in periferia che in centro, per orientare il traffico verso i posti auto disponibili più vicini. Grazie a questa informazione in tempo reale è possibile guadagnare tempo nel cercare il parcheggio, ottimizzando così l’occupazione di tutte le aree libere, migliorando la viabilità, il traffico cittadino più scorrevole e riducendo l’immissione di gas di scarico nell’aria. Inoltre, l’utilizzo di un sistema d’indirizzamento ai parcheggi incoraggia gli automobilisti a posteggiare l’auto per utilizzare i mezzi di trasporto pubblico. L’architettura del sistema di indirizzamento ai parcheggi e quindi l’informazione sulla disponibilità di posti auto è aggiornata in tempo reale da un Centro di Controllo che comunica con le aree di parcheggio tramite le Unità di Controllo parcheggi, e successivamente visualizzata sia su display a LED (postazioni di indirizzamento) che mostrano il nome del parcheggio e il relativo numero di spazi liberi, sia da pannelli informativi attraverso l’indicazione di messaggi di testo del tipo: “parcheggio libero/completo”. Le postazioni di indirizzamento possono essere integrate con pannelli a messaggio variabile a matrice grafica, per messaggi di testo.

 

Ma quali centri di controllo? Quelle dei numeretti a terra che dopo un po’ spariscono? Caro Sindaco sarebbe il caso che Lei si dedicasse un po di più al controllo di tutte le iniziative di carattere economico che i suoi assessori mettono in atto. Sono soldi delle tasse di tutti i cittadini che sono costretti a sopportare e che hanno in mano un unico mezzo: non rivotarvi alla prossima occasione.

 

Foto G de Zanet Le scemenze di Ricci assessore al nulla (3)

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.