Riscuoteva falsi buoni fruttiferi con i documenti di un defunto, denunciato 74enne

0

 

VITERBO – Riscuoteva falsi buoni fruttiferi con i documenti di un defunto. E così un 74enne è stato denunciato dalla Polizia di Stato. L’anziano uomo era stato reclutato da un malvivente il quale, approfittando del fatto che si trovava in difficoltà economiche e in condizioni di salute non ottimali, gli aveva proposto, in cambio di 500 euro, di lavorare per lui, riscuotendo alcuni buoni fruttiferi.

 

Così, il pensionato di Pomezia è stato denunciato dal personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per il Lazio, per tentata truffa e sostituzione di persona in flagranza, mentre tentava di incassare tre buoni fruttiferi postali, per un totale di 15 milioni di lire.

 

La tempestiva segnalazione del direttore dell’Ufficio Postale di Viterbo Centro, ha consentito agli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni di cogliere sul fatto l’anziano, mentre si trovava allo sportello nel tentativo di cambiare 3 buoni fruttiferi postali contraffatti, del valore di 5 milioni di lire l’uno, esibendo il documento di una persona deceduta.

 

Ai poliziotti l’anziano ha spontaneamente dichiarato che, tempo prima, mentre si trovava presso l’INAIL di Roma, era stato avvicinato da uno sconosciuto, il quale, approfittando del fatto che l’uomo aveva manifestato di trovarsi in ristrettezze economiche, tali da non consentirgli di sottoporsi alle cure mediche di cui aveva necessità, gli proponeva di fare un “lavoretto” per lui, fornendogli sia i falsi buoni che i documenti contraffatti.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.