Uno sguardo in avanti: proposte della Pro Loco di Ronciglione per un uso positivo delle risorse

0

RONCIGLIONE – “La Pro Loco di Ronciglione vuole aprire sempre più la propria attività ai cittadini e con loro cercare vie sostenibili per un rilancio del territorio, ma tutto ciò si configura piuttosto difficile se poi ci si imbatte, ad esempio, nella pubblicazione del bilancio consuntivo del Comune di Ronciglione che presenta cifre negative allarmanti.

 

Il documento è un punto fermo per qualsiasi progettazione che coinvolga il pubblico, di lì dobbiamo intraprendere un percorso su come realizzare turismo e attività future, ormai certi che, sempre meno potremo confidare su sovvenzionamenti pubblici, ma dovremo puntare sul diretto, consapevole coinvolgimento di tutti noi cittadini che, pur conoscendo le difficoltà contingenti, pensiamo al turismo come ad una risorsa che porta sviluppo e desideriamo impegnarci a realizzarlo con una costruttiva progettualità, pianificata per tempo, condivisa e capace di generare crescita e non debiti.

 

Allo scopo di presentare con trasparenza vari aspetti della gestione locale, alcuni cittadini hanno anche realizzato un blog: http://ronciglione.altervista.org/ che vuole mostrare con semplicità la nostra situazione, che permette riflessioni su tematiche reali e vicine a tutti noi, e apre uno spazio di approfondimento e dibattito per un cammino positivo e propositivo.
Quando si trattò di approvare il bilancio la maggioranza si espresse asserendo che: ”… il bilancio non è più politico… ma simile a quello privato con l’obiettivo del pareggio” mentre il gruppo Uniti per Ronciglione così presentava la dichiarazione di voto:

 

“Da tanto tempo le amministrazioni che si sono susseguite hanno accumulato esposizioni debitorie che costantemente crescono e che pagheranno i nostri figli e nipoti. Oggi con il consuntivo vediamo che l’esposizione debitoria anche con questa amministrazione cresce enormemente e contestualmente crescono le entrate; purtroppo per la prima volta superiamo 10 milioni di spesa e non abbiamo il coraggio di sommare l’ammontare del debito che è frazionato nel tempo con i mutui. Certo ci sono dei beni che tecnicamente vengono definiti ”beni economici puri”- quelli di cui non si può privare un cittadino (acqua, energia, assistenza) che anche facendo dei debiti dobbiamo assicurare. Tuttavia, se analizziamo il documento che vi accingete ad approvare, possiamo rilevare con facilità spese che potevano essere evitate, mi riferisco alle numerose progettazioni e consulenze, come ai più disparati contributi erogati ad associazioni che oggi forse non possiamo più permetterci, vista anche la mancanza di contributi certi regionali che tuttavia configurano per il cittadino un aumento dell’imposizione e paradossalmente un aumento delle entrate che seguitano a crescere, il che significa che il cittadino paga con l’aumento dei tributi locali, più della compensazione dei mancati trasferimenti di Regione e Stato. Oggi politicamente dovremmo insieme, opposizione e maggioranza, impegnarci per una decisione e una comunicazione certa : quali sono i nostri debiti, quando li estingueremo, cosa dovranno pagare i nostri figli. Solo con questo coraggio insieme potremmo dire di no a spese che si possono e si debbono evitare e realizzare un bilancio partecipato che non sia prendere i soldi dagli enti, ma con quelle risorse realizzare una comunicazione circolare con i cittadini che indicano bisogni, capiscono l’esposizione debitoria dei figli, e sanno e possono contribuire ad uno sviluppo di Ronciglione.”

 

La Pro Loco ritiene che è da una comunicazione chiara, aperta, condivisa che può e deve partire lo sviluppo del territorio; il pareggio di bilancio – di questo bilancio – sembra assai lontano, se non si tiene conto di dover limitare spese che andrebbero solo ad accrescere la negatività di gestione, sembrando ignorare il necessario rispetto verso ogni cittadino che ha diritto ad una amministrazione trasparente e responsabile”.

 

Gianni Ginnasi
Segretario Pro Loco Ronciglione

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.