Palamalè utilizzabile per le assemblee studentesche

0

VITERBO – “Nel pomeriggio di ieri si è tenuto un altro incontro, presso la sala consiliare della provincia di Viterbo, in merito alla assurda questione dell’utilizzo a pagamento del Palamalè, per le assemblee studentesche. Insieme al dirigente Ernesto dello Vicario, all’assessore del comune di Viterbo Antonio Delli Iaconi, e ad un funzionario del comune, abbiamo effettuato i rilievi necessari, così come precedentemente concordato con gli studenti.

I tecnici della provincia hanno controllato l’agibilità dell’aula magna dell’ITIS. Il comune, come ente proprietario dell’immobile che ospita il Palamalè, ha invece verificato i termini che regolano la convenzione in atto con l’ente gestore, e convenuto di rendere disponibile gratuitamente lo stabile, agli studenti che ne facciano richiesta, per circa dieci giornate.

 

Alla presenza di una delegazione di studenti e dei dirigenti scolastici degli istituti superiori di Viterbo, abbiamo reso noto che verranno finalmente messi a disposizione ovviamente a titolo gratuito, luoghi idonei per le assemblee di istituto.

 

L’accordo prevede la disponibilità della sala conferenze della provincia di Viterbo, che può ospitare circa 200 persone, e dell’aula magna dell’ITIS con una capienza approssimativa di 850 persone e del Palamalè.

 

Questa mattina abbiamo incontrato il preside dell’ITIS che si è reso disponibile a concedere l’aula, salvo le necessarie verifiche tecniche in tema di sicurezza.

 

I ragazzi da parte loro hanno apprezzato come il problema sia stato subito affrontato dalla provincia e si siano mantenute le promesse fatte.

 

Il mio obiettivo è quello di rispondere alle esigenze dei ragazzi, accogliendo le loro legittime richieste, poiché la politica deve essere sempre a disposizione, per cercare di far fronte alle esigenze di tutti, in tempi ragionevolmente brevi ed in maniera concreta”.

 

Mauro Mazzola
Presidente della Provincia di Viterbo

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.